Filastrocche, Scioglilingua ed altro

Filastrocche

 

Cozzamaruca mija, mùstrim' i corna, 

ca ti 'mbàra a mmàmmita adduvi rorma :

rorma sutta 'na petra ri mulini

chi si mangia mmerd’e pputrusini.

 

La vita si svolgeva quasi sempre all'aperto, tranne quando pioveva. Appena dopo le piogge,si andava  "a caccia" delle chiocciole, tenendo nelle mani quella più grossa. Poichè la povera chiocciola, per difesa, contraeva i tentacoli, ecco che veniva recitata questa filastrocca per "convincere" la chiocciola a distendere gli stessi tentacoli. Per dire il vero, io, tranne una sola volta, ma è stato un puro caso, non sono mai riuscito a "convincere" la malcapitata chiocciola.

Cumbàri e ssan Giuanni

e bbәttijam'u bbanni,

e ru bbanni gghè bbәttijàti.

Cchi bbu: pani o pica? 

Pica 

E ssumi nimici!

 

Cumbàri e ssan Giuanni

e bbәttijàmi u bbanni,

e ru bbanni gghè bbattijàti.

Cchi bbu: pani o pica? 

Pani 

E ssumi cumbàri. 

Quanni a tieni tu

a runa ә mmija,

e quanni ә tiegni ghija 

ә rugna ә ttija. 

Due ragazzi, recitando questa filastrocca, stringevano un patto o di leale e duratura amicizia simile a quella dei due compari legati dal sacro vincolo del battesimo oppure si creava una provvisoria inimicizia. Nel caso si accettava di diventare compare(quasi empre era così) allora la filastrocca doveva essere recitata da tutt'e due i ragazzi che si dovevano tenere, dondolando, con le dita medie delle mani destre.

 

A r’alija  mastr’andrija!

A ra robba,  pijila ‘cca

 

'U tuocchi. Questa era la filastrocca del (tuocchi)dubbio. Quando non si sapeva prendere una decisione, quando si era incerti sulla scelta di oggetti egualmente desiderabili, si recitava questa filastrocca accentuando le singole cadenze ed indicando contemporaneamente con l'indice, via via, gli oggetti. Il 'cca, cadenza finale della filstrocca, stabiliva definitivamente la scelta o la decisione da prendere.

 

Ttò, ttò, ttò,

e chi bielli cavalli chi vena mmo'.

E bbena i ra marina

e pporta ppisci e rosamarina;

e bbena i ra muntagna

e pporta ppumi e ccastagni;

e ppu' scinna ddi Sa'Mbrangischi

e ru pìjini a ffichi frischi;

e ppu' arriva all'Acquәnova

e ru pìjini a pummaroli;

e ppu' va i ra Ricella

e ru pìjini a manamannella;

e ppu' va a ra Purtella

e ru pìjini a rricuttella.

 

La madre metteva il suo bambino sulle ginocchia a cavalcioni, viso contro viso. Gli prendeva le mani e, abbassando ed alzando ritmicamente le ginocchia, gli recitava questa filastrocca o per farlo stare buono o per farlo giocare o per farlo smettere di piangere.(alla faccia di tutti i moderni e costosi congegni elettronici di ... oggi)

Sona, sona sambugnella,

ca ti fazz' a vesticella.

Cum' a vu, cumi 'unn' a vu:

cum'u culi 'i za Patella.

 

Si prendeva il culmo verde di un cereale e se ne tagliava un pezzo lungo circa 10 cm, incluso il nodo. Un paio di cm al di sotto del nodo, si praticava con un coltellino un taglio sezionale in modo da formare una piccola linguetta. Questo pezzo di culmo si metteva in bocca dalla parte del nodo, lasciando fuori un pò di linguetta. Quando si soffiava il culmo, in generale, emetteva un suono e la zampognella era fatta. Se, invece, non suonava, la si poneva tra le palme delle mani e le si cantava la filastrocca, muovendo delicatamente le mani avanti e indietro quasi per indurla a suonare.

 

Poca retta a ri nimici,

a ri nimici poca retta.

Ghe ppassàti 'nu papuni

tutta chjin'i lazzaruni.

E ddi sutti cc'era sscritti: 

poca retta a ri nimici.

 

Questa filastrocca "I Nimici" veniva recitata quando un ragazzo incontrava un compagno di giochi con il quale aveva rotto i rapporti di amicizia. Era un modo per sottolineare(vantarsi) l'inimicizia e nello stesso tempo per indispettire l'altro.

I nimici u'mmi parrassini
ca si no li gungghj’i baffi
 

 

I nemici non mi devono parlare

Altrimenti li gonfio i baffi

(li prendo a pugni)

 

Questa filastrocca era un modo spavaldo per indispettire l’ex amico (ma dopo poche ore si ritornava più amici di prima)

'a ffascinә

(in preparazione)


Ninna, Ninnarella,

m'a runàti 'na cosicella

ppi r'amurә i ru Santi Bbommini?


Sini, sini! trasiti, trasiti!

Ti vo ffàrә stàri bbuon' u cap' i ra casә.  


Un nn'avimi!, un nn'avimi. Hami paci! 

Ti vò carìri u candiri 'mmienz' a casә. 

 

Questa tradizione, come tante altre,(per fortuna) è scomparsa. Ogni 24 Dcembre, vigilia del Santo Natale, con la testa e il viso ricoperti da uno scialle i ragazzi meno fortunati,andavano di casa in casa a bussare alle porte per chiedere a nunnarella, cioè qualcosa da mangiare, per amore di Gesù Bambino che di lì a poco nascerà.


Chini si susa e cchini s’assetta:

chisti gghè ru post ‘i SanGiuseppi

 

Era un modo gentile e semplice per appropriarsi di una sedia libera per qualche istante. Quando il malcapitato ritornava a reclamare la sua sedia, il nuovo occupante gli recitava la filastrocca...e continuava tranquillamente a restare seduto.(Oggi, invece, per una semplice sedia occupata ...altro che "ru post 'i sanGiusepp")

Cruci   a ra trippa

cieli nietti

chill'ntra trippa mija

senza rifietti

 

'A fimminә prenә. Questa filastrocca veniva recitata dalle donne incinte, quando incontravano o avevano a che fare con una persona poco gradita, per scongiurare che il proprio bimbo in grembo potesse assomigliare a quella persona (era la famosa croce che si faceva al posto del detto "oh mio Dio")

 

Rosamarin'e ppisci

a gghjr'a ppucchji a tutti li ‘ncriscia

pu s’allùmin’i pagghjàri 

e ttutti si van’a cquariàri

 

Questa filastrocca veniva recitata durante i periodi dei "pagliari", che si accendevano la vigilia di San Giuseppe e di San Francesco nei rioni del borgo antico. Era un invito a piccoli (pesciolini) e a grandi (pesci) per raccogliere nelle campagne fasci di sterpi per formare un grande mucchio da bruciare. (non mancavano, di certo, le competizioni tra i vari rioni per il mucchio più grosso)

 

Faciti, ca bbuoni faciti, … un faciti nenti ca passan’a genti

Fate, perchè fate bene ... non fate niente(fermatevi) perchè passa qualcuno 

Così il mio caro amico Gerardo Bonifiglio, spiega questa filastrocca : quando una banda di scassinatori entrava in un negozio oppure in un appartamento per derubarlo lasciava fuori un "palo" che in effetti era costituito da una piccola orchestrina che intonava la filastrocca ed avvisava i complici sul da farsi. La cosa , almeno da quello che mi raccontava mio padre aveva un fondo di verità. Era una specie di serenata. Consideri che all'epoca non c'era illuminazione, le persone che circolavano di notte erano poche ed infine la serenata serviva per mascherare i rumori.

 

Truoni e llampi stàtivi arrassi,

chissa è ra chesa ri Santi Jassi;

Santi Jassi e Ssanti Simuni,

chissa è ra chesa 'i nuostri Siggnuri.

Tuoni e fulmini state lontano,
questa è la casa di Sant'Alessio;
Sant'Alessio e San Simome, 
questa è la casa di nostro Signore.


Altre filastrocche

 

A cilluzza 'ncarnata a ru rani,

nini frichemi e nini frichemi

a cilluzza ghe juta a ru vini,

nini futtimi,nini futtimi...

L'uccellino è andato a (rubare il) grano, chi se ne frega, l'uccellino è andato a (bere) vino, chi se ne frega, chi se ne frega,... *

 

 

A gatta i'ra zija Camilla

vuliva frichèra a gatta mija.

Sunu juti'ntru strittulielli  

e 'ra gatta mija a fricheti a gghilla!

La gatta di zia Camilla

voleva fregare la gatta mia

l'ha portata nel vicoletto

e la gatta mia l'ha fregata

 

 

A monachella i vita vitissa,

gghè jiut'a Napuli a sentiri a missa,

c'ià ditt’ u monichi a ra patissa,

ma pichì vinit' a Napuli a sintìr'a missa,

ma suti propri fissi!

La monachella (?)

è andata a Napoli per ascoltare la messa,ha detto il monaco alla badessa,perchè venite a Napoli ad ascoltare la messa?

Ma siete propio fessa!

   

A nott’‘i ra Bbifanija

nzuonni mi vena ra furtuna mija 
tavula parèta ,vigna carrichèta 
portimi a ra chèsa ‘i ra cuntenta maritèta

La notte dell'Epifania/mi viene in sogno la fortuna mia/Tavola (ben) apparecchiata,vigna abbondante/ portami a casa della contenta sposata

   

A picciulilla 'i minni minnacchi,

fa ra piscia e fa ra cacca

La bambina lattante,

fa (addosso) la pipì e fa la cacca

   

A purpetta gioja mija

ghè nna cosa chi ti ricrija

si t'a mmucca tutta quanta

ci cantem' u cucurucù! ...

E ccu e ccucurucù,

e ccu e ccucurucù

su' ffatti viecchji

e nnu' mbbeli cchjù!

La polpetta gioia mia

è una cosa che ti delizia

se la mangi tutta intera

ci cantiami "u cucurucù"

" e ccu e ccucurucù"

" e ccu e ccucurucù"

sei diventato vecchio 

e non vali più

   

Ammenn'a capa ti penna      

e ti penna e ti pinnissa

mmienzi a ra gghiazza           

ti vò ccariri

Mi auguro che ti penda la testa

e ti pendirà

in mezzo alla piazza

ti cadrà

   

A ra casa i r'addulurata

c'è chjin'è giunchji e chjini ghè cicheti,

cin'è gghuni suli ch'è megghjiarielli,ma

aviva na guallara quanti nu stuppielli

A casa di un'addolorata

c'è un menomato ed un cieco, c'è uno solo che sta un pò meglio, ma ha una grossa ernia 

   

Bbu' bbu' bbu'

chini à fatti stu piriti?

Bbu!

E ra fatti ‘u zinzulèri:

Chi cci vo' schatteri

bbù.

Bbù, bbù, bbù,

hi ha fatto questa scorreggia?

Bbù!

E l'ha fatta un poveraccio :

che possa crepare
Bbù

   

Cari cumpàri

a carna va ccara

u pisci gghè rruossi 

e spruppiti 'st'uossi

Caro compare

la carne costa molto

il pesce è grosso

e spolpati questo osso

 

 

Carnalivari mija ‘unn ti nni jiri,

ca rumèni gghè festa e ti vuoji 'mmitari.

T'ha fatt’a giacchetta

e tta ghjinchj 'i purpetti,

t’ha fatt’u quazùni

e tt'u ghjinchj’i maccarruni,

t'ha fatt’a cammisola 

e t’ha ghjinchj'i vrascioli.

Carnevale mio non andare via,

perchè domani è festa e ti voglio invitare. Ti sei fatta una giacca

e te la riempio di polpette,

ti sei fatto un pantalone

e te lo riempio di maccheroni

ti sei fatto una camiciola

 e te la riempio di braciole

   

Carnalivari gghè mmuorti,

e ri maccarruni su' cuotti,

e ru casi sadd'i rattari

e bbunivinuti carnalivari

Carnevale è morto,

e i maccheroni son cotti

e il cacio si deve grattugiare

benvenuto carnalivari

   

Chi vo' fiuccàri e fiuriri

cumi fiocca ru peni e ru vini

Che tu possa splendere e fiorire

come splende il pane e il vino

 

 

Chiova, chiova, chiova

e ssant'Anna jetta ll'ova

e ra pecura serra serra 

e ru patruni fè ra guerra

Piove a dirotto

e Sant'Anna getta le uova

e la pecora lungo la serra

ed il padrone la richiama

 

 

Cicc'i Cappucci, parenti a ru ciucci

Ciccio di cappuccio, parente all'asino

 

 

Cicirinella avia nu galli,

tutt’a notta jiva cantanni,

jiva cantann’a ri fimmini belli 

e chist’è ru gall’i Cirinella.

Cicirinella aveva un gallo, che

nella notte andava cantando,

cantava alle donne belle 

e questo è il gallo di Cicirinella

 

 

Colleggiandi chi jèti a ri banni,

mangièti e bbiviti e faciti accussì

Studenti che andate a passeggio, mangiate e bevete e fate così...

   

Cu e cucurucù

su fatti viecchji 

e nnu vali cchjiù

Cu e cuccurucù

sei fatto vecchio

e non vali più

   

E bbà bbena!

Ha dditti ronna Lena

quanni ha bbista,

a figghja e ra gatta prena!

Va e viene!

Ha detto donna Lena

quando ha visto

la figlia e la gatta incinta

   

E nnizzә, e nnizzә e nnizzә,

rani nuovi senza minnizzi.
E nnak e nnak e nnak,

‘a mamma a ttija t'accatta ri vacchi.

T'accatta ra massarija i ronn'Antoniji Serbiddiji.

T'accatta ri mintuni

e ci va 'ncavalli stu baruni.

E t'accata 'na jumintella 

e cci va 'ncavalli sta figghja bella.

E nnizza, e nizza e nizza,

grano nuovo senza immondizia.

E nnak, e nnak e nnak,

la mamma ti compra una vacca.

Ti compra la masseria di don Antonio

Servidio.

Ti compra i montoni

e ci va a cavallo questo barone.

E ti compra una giumenta

e ci va a cavallo questa figlia bella

   

Faccia 'i cuccuvella e pieri chiatti. Quanni camini ti ci sienti tutta,

fa vummichàri i chen'e ri gatti

Faccia di gufo e piede piatto,

quando cammini sei fanatica,

fai rovesciare cani e gatti

   

Favuriti e nnun trasiti,

peni rutti unn'i tucchèti,

pèni seni unn'i rumpìti,

e favuriti e nunn trasiti.

Favorite e non entrate,

pane rotto non ne toccate,

pane intero non ne rompete,

favorite e non entrate

   

Gghè  ‘mbrugghjet' a matassa,

o ti ‘nzuri o pegh’a tassә.

E' imbrogliata la matassa

o ti sposi o paghi la tassa

   

Jò, jò. Tu su fiss' e gghija no!

jò,jò, tu sei fesso ed io no!
   

Maggi: 

maggiùri di l'agumenti

pizzich'e pizzicanti

e ssuon'e ccanta

pur'i ciucci stan'allegramenti!

Maggio :

maggiore per il seminato

colpetti ammiccanti e provocanti

si suona e si canta

anche l'asino è allegro!

   

Mamma, Cicci mi tocca.

Toccami Cicci, c'a mamma vò

Mamma, Ciccio mi tocca /Toccami

Ciccio che mamma è d'accordo

   

Marija lavava

e Ggiuseppi spannija;

u Figghji ciangìva

e r'accussì Illi ricìja:

«Citta, Figghja!

ti lava e tti pigghji,

ti rugna a minna

e tti vàj'a ccurcà'».

Maria lavava 

e Giuseppe stendeva(i panni)

il Figlio piangeva

e così Lei diceva:
"Silenzio, Figlo!

ti lavo e ti prendo,

ti dò la mammella(latte)

e ti porto a dormire"

   

Mascul' e fimmini scumunicàti,

vann' a ru 'mbierni cunnannàti;

e ppu' vann' i pullicini

e lli càvin' u cularini.

Uomini e donne scomunicati

vanno all'inferno condannati

e dopo ci va il pulcino 

a pizzicarli il sedere

   

Maschuli o fimmini

o chilli chi sia,

'abbona furtuna cci'aruna Ddiji

Maschi o femmine

o quello che sarà

la buona fortuna gliela dà Dio

   

Mastru Nardi marita ra figghja

fa ru pranzi cu pan' e cipulla

i purpett' i fa di canigghjia

e mastru Nardi marita ra figghja

Mastro Leonardo marita la figlia

fa il pranzo con pane e cipolla

le polpette le fa di caniglia

e mastro Leonardo marita la figlia

   

Misciulla vieni ca' ummi fàri a r'arragiàri,

si no ti cuzz' i baffi,

ti jietti ntru puzzi e ti fazzi muriri'

Gattino vieni qua e non farmi arrabbiare, altrimenti di taglio i baffi,ti getto nel pozzo e ti faccio morire

   

Mugghjerma tessa, tessa,

runa na bott'e ppu si gessa,

ppi tessira na strosc'i cammisi,

cci ha missi nann'e durici misi

Mia moglie tesse,tesse,

dà una botta e poi ritorna indietro,

per tessere una misera camicia,

ha impiegato un anno e dodici mesi

   

'Na bbona sciorta

e 'nna bbona furtuna!

e ssi no...'na bbella curuna!

Una buona sorte e una buona fortuna, altrimenti una bella morte
   

‘Nchjiana, ‘nchjiana fra Giuvanni,

‘nchjiana, ‘nchjiana ca cc’è Gessù.

Prim’inchjian’ a cascittella 

e di roppi ‘nchjiani tu

Sali, sali Fra Giovanni,

sali, sali che c'è Gesù.

Prima sali la cassettina(di soldi)

e dopo sali tu

   

Ninellә Ninellә Ninellә

a tenə ra mammə

na giuvinə 'bbellə

e ninol e ninol

na giuvinə 'bbellə

a tenə ra mammə

na mastrj'i scolə

Ninella, ninella,ninella(bambina)

la mamma tiene

una ragazza bella

e nino e ninol(?)

una ragazza bella

ce l'ha la mamma di una maestra di scuola

   

Nizzi nizzi nizzi,

mammita ti mina 

e ppu t'accarizza

Nizzi, nizzi, nizzi 
tua madre ti picchia

e poi ti accarezza

 

 

Oh, oh, oh,oh

villa, villa, villa, villò

rici  a mmammata si mi vò;

si mi vò, s'un mmi vò 

villa, villa, villa, villò

Oh, oh,oh

villa, villa, villa, villò

dici a tua madre se mi vuole;

se mi vuole o non mi vuole

villa, villa, villa, villò

   

Oji cumpàri chi jàt' a ll'acqua,

nu' mmi tuccàt' u pitrusini 

ca maritimi gghè mmienzi pacci,

e ss'apigghja ccu ri vicini

Ohi compare che andate all'acqua,non mi rubate il prezzemolo, perchè mio marito è mezzo pazzo,e se la prende con i vicini(di casa)

   

Palla ir'ora, palla 'nduràta,

adduvi su stata?

Adduva mamamma.

E cchi tt'ha ddàta?

Pani e ccàsu.

E ffujatinna a casa casa.

Palla di oro, palla dorata,

dove sei stata?

Dove la nonna.

E cosa ti ha dato?

Pane e cacio.

E gira gira(scappa)dentro casa

   

Pippina,pippinella

quanti corni tena ra pecurella?

(risposta) rua.

E si tre avissi ritti,

u cavalli fussa fritti

e fritta e frittata

u cavalli i r’abati,

i l'abati Pignatelli

quanti corni tena ra pecurella?

(risposta) tre...

E si quattri avissa ritti

u cavalli fussa fritti

e fritta e frittata... (e così fino all'infinito)

Peppina, Peppinella,

quante corna ha la pecorella?

due

E se avessi detto tre,

il cavallo sarebbe stato fritto 

e fritto e frittata

il cavallo dell'abate,

dell'abate Pignatello

quante corna ha la pecorella?

tre

E se avessi detto quattro

il cavallo sarebbe stato fritto

e fritto e frittata...

 

 

 

Pirilli, pirilli, piralla,…

 ‘u priviti vò na gamma.

Ohi mamma runnacella,

Ca mi ricia na missa ppi l’armma

Pirilli, pirilli, piralla ...

il prete vuole una gamba.

Oh mamma dagliela

perché ci dice una messa per l'anima



Piscialò, marcantò,

va cuonz’ u lietti  ca viegnji mò

Piscialò Marcantonio

aggiusta il letto che vengo adesso

 

 

Ppi ddispiett'i chini 'un bbò,

tràsa e gghescia quanni vò

Per dispetto di chi non vuole,

entra ed esce quando vuole

 

 

Prim'i misi e prim’i l’anni,

famm'a strina ch’è Capidd’anni

Primo del mese e primo dell'anno,

fammi la strenna perché è capodanno

 

 

Pummaro', pummaro'

si tien’u curaggi, ghescia fò. 

S'un ti basta ra șchiupetta,

mint’a mani ntra vrachetta

Pomodoro, pomodoro

se hai coraggio, esci fuori.

Se non ti basta una(colpo)pistola

metti la mano nelle brache

 

 

Quanni chjova e mmina bienti,

lass'a mmija cum’a fèri,

mi minti a nnu štravinti 

e lassi chjoviri e nivichèri

Quando piove e tira vento,

lascia a me come fare,

mi metto sottovento(riparo dal vento)

e lascio piovere e nevicare

   

Quant'è ciuoti ‘u ruscianisi,

m'ha dati nu ciucci carricati i rani,

pu ma dati 'na cosa i cchjiù 

e gghija l’hai runàti nu zuchitizzù

Quanto è stupido un rossanese,

mi ha dato un asino carico di grano,

poi mi ha dato un’altra cosa, ed io gli ho dato uno strumento rozzo musicale

 

 

Rienti viecchji e rienti nuovi,

tè 'u viecchji e ddamm 'u nuovi.

Runamilli forti cum'na manigghjia i ra portə/Runamilli janchi

cum'a nivə i ra muntagna

Dente vecchio e dente nuovo,

tieni il vecchio e dammi il nuovo.

Dammelo forte come il ferro, 

dammelo bianco come la neve della montagna 

   

Ronna vijata ti su fatta santa,

mo ch'è bbinuti ssu priericaturi.

Ccu mija fa ‘a santa e t'inginuocchji,

 

ccu l'autri longa longa ti stinnicchji.

Donna beata ti sei fatta santa,

adesso che è arrivato ilpredicatore.

Con me fai la santa e t'inginocchi,

con gli altri lunga lunga ti distendi

   

Rosa patosa

fimmin'i casa

vena ra gatta 

e ti scippa ru nasi

Rosa appariscente

donna di casa(casalinga)

arriva la gatta

e ti scippa il naso

 

 

S'a gattә i za Vicenza

va șcamanni  ppi la vija,

ca fà vuti d'astinenza, chiacchiarìa

Se la gatta di zia Vincenza miagola per la strada e dice di voler fare astinenza, scherza

 

 

Sacci 'na canzunella curta curta:

cìciri e bbiermicielli

e mmi vàji curchi.

So una canzoncina molto corta

ceci e vermicelli e vado a dormire

   

Saluti  e frascha ha ditta a crapa

U n'avissa di viniri maji u misi ir'agusti

ca cu ra carna mija ci fan' a festa

e cu ra pella mija ci fan' u mmusti

Saluti e frasca ha detto la capra

non dovrebbe mai arrivare agosto,perché con la mia carne fanno festa e con la pelle ci fanno gli otri

   

San Giuseppi u vecchjiarielli
jiva cugghjienni i juricielli
i purteva a ru Bomminielli
e San Giuseppi u vecchiarielli.
San Giuseppi mastri r'ascia
jiva facienni finestri e casci,
e faciva ru buffittinni
pi ci mintiri u Bommini,
e faciva ri cascittelli
pi ci mintiri i figurelli,
e faciva ra cascia ranna
pi ci mintiri a Sant'Anna,
e faciva ru casciuni
pi ci mintiri u Signuri.

Ebbiva ru Viecchjiii

San Giuseppe il vecchierello

andava a raccogliere i fiorellini

li portava al Bambinello

e San Giuseppe il vecchierello.

San Giuseppe maestro d'ascia

andava facendo finestre e casse

e faceva il buffet(ino)

per metterci il Bambinello

e faceva le cassettine

per metterci le figurine

e faceva la cassa grande

per metterci a Sant'Anna

e Faceva la cassapanca

per metterci il Signore.

Evviva il Vecchiooo

   

Santa Rosa a ru ghjiardini

chi chijantava 'u pitrusini

u chijantava e ru scippava

chi bbiell'u gusti chi ci pigghjiàva  

ci pigghjàva l'arma mija

nu patrinustri e n'avvemmarija 

Santa Rosa del giardino

che piantava il prezzemolo

lo piantava e lo scippava

e ci prendeva molto gusto

ci prendeva l'anima mia

un padrenostro e un'avemaria

   

Setti, quartodici, vintun'e bbintotti,

jem'a ra fera i ru Massarotto:

nn'accattemi 'nu bbielli cappotti,

nn'u mindim'a notta notta,

e ssette quartodici, vintun'e bbintotti

Sette, quattordici, ventuno e ventotto,

andiamo alla fiera del Massarotto :

ci compriamo un bel cappotto,

ce lo mettiamo sempre di notte,

e sette, quattordici, ventuno e ventotto

   

Ssambbrancischi gghè jiut’a ra marina,

e ha scuntet’a suora pira vija :

“Frè Francischi e nnu mi runi nenti?”

Si caccia nnu rienti

E ra lassa cuntenta.

S.Francesco è andato alla marina

ed ha incontrato sua sorella:"Frà

Francesco non mi dai niente?".

Si toglie un dente

e la lascia contenta.

   

Stasira gghè Nnatàli

'un ttiegni rinàri 

mi fumi 'na pippa

e mmi vàja a ccurcà'.

Quanni gghè ll'ura 'i sparare i bbotti

mi ficch' u cappotti

e bbàja a ra Notta.

Stasera è il S. Natale

non ho soldi

mi fumo la pipa

e mi vado a coricare.

Quando è il momento dello sparo

delle botti, mi metto il cappotto e vado in chiesa

   

Stasira gghè ssabbit' a sira

e ffà ri miraculi zù Vasila!

Stasera è sabato sera

è fa i miracoli zio Basile

   

Supra na troppa c'era na cicirimbrambula,/cchi cicirimbrambulijàva ccu ri cicirimbrambuliecchji./ Cià ditt’a cicirimbrambula  ai cicirimbrambuliecchji,/

quanni vi faciti ranni

puri vuvi cicirimbrambuliàti

cumi cicirimbrambuli'a cicirimbrambula  ranna.

?
   

Tiempi gghè e ttiempi fu,

ghera gghija cumi su ttu;

quanni vien all'anni miji

ti fà tu cumi sugni gghija

Tempo è e tempo fu,

io ero come (adesso) sei tu;

quando raggiungerai i miei anni

ti farai come me

   

'U tupuliuni ranni e grussi,

unn sa firèti a zumpèr'u fuossi

gghè gghjiut'u pittirilli,

e l'à zumpèti cumu nu grilli

Una persona grande e grossa,

non è riuscita a saltare il fosso,

(poi) è andato un bambino

 e l'ha saltato come un grillo

   

Vieni suonni e nun’ biniri suli

Vieni ‘ncumpagnìa i ru Signuri 

E ninna ninna nonna 

A vera mamma tua 

È ra Madonna……… 

E ninna e ninna nonna 

U picciulilli fà ru sosonni 

E ninna ninna nanna 

U picciulilli gghè fatti ranni 

…..(se ancora non si addormentava) 

Figghji nobili quanti su bielli 

A mamma t’accatta nu carusielli 

Ti ci minta na boffa i rinari 

Rorma rorma u mmi far ‘arraggiàri

Vieni sonno e non venire da solo

vieni in compagnia del Signore

e ninna ninna nonna

la tua vera mamma

è la Madonna

E ninna ninna nonna

Il bambinello si addormenta

e ninna ninna nonna

il bambinello si è fatto grande...

Nobile figlio quanto sei bello

la mamma ti compra un salvadanaio

te lo riempie di soldi

dormi, dormi non farmi arrabbiare

   

Zinghara, zinghara marijola

t'ha 'rrubbàta a cammisola;

quanni mammata gghè gghjuta

a ra missa, t'ha 'rrubbàta a pittinissa.

Zingara, zingara ladra

hai rubato la camiciola

quando tua madre è andata

alla messa ti sei rubato il fermaglio

   

Scioglilingua

 

'A ra' nginucchijuni cughjienni buttuni

a ra' nginucchijuni buttuni cughjienni

 

Tre panari i fichi e frutti,

fichi e frutti tre panari. 

 

 

 

Rep’u stipi, pij’u pipi, gus’u pipi,

stip’u pipi, e chijur’u stipi

 

Chi vò tribbuliàri,

cum' a tribbuliàti
u tribbuliàt' i ru nonn’i mija

     

Supra nu fil’i cannazza

c'è ra chepa i nu cheni pazzi,

tir’u fili, tir’u lazzi,

cca chera ra chepa iru cheni pazzi

 

cinchi ciucci zuopp' i tiegni gghija,

cinchi ciucci zuopp'i tieni tu

accucchiem' i cinchi cucci zuoppp'i ri tuva

e ri cinchi cucci zuopp'i ri mija

e facimi reci ciucci zuoppi

 

   

 Tre tazzi, chichir'e tazzi

    


 

Altro

(suocera)
Bbona vinùta nòrima 'mpalazzi,

chi vò arrignàrә

cum'a niv'i marzә! 

(nuora)
Bbona truvàta, sòcrima ggintila,

chi vò arrignàri

cum'a niv'i r'aprili!


Benvenuta, o nuora nel mio palazzo
possa tu viverci

per quanto dura la neve di marzo!

Ben trovata, o suocera gentile,

possa tu restarci

per quanto dura la neve ad Aprile

   

Riri e ciangia

Vucch’i ranci

Ciangia e riri

Vucch’i varrili

Ridi e piangi

bocca d'arancia(agrumi)

Piangi e ridi

bocca di barile(vino)

Ninna nanna

Rorma rorma Bomminielli

ca Maria ha ddi  fatigà,

t'ha  ddi fàr'i fascicella

ppi ra notta ri Natale.

 

Fai ‘u  suonni e fai la nanna

e fai ‘u suonn’e ra ninna nanna

Dormi dormi  Bambinello

perché Maria deve lavorare,

ti deve fare le fasce

per la notte di  Natale.

 

Fai il sonno e fai la nanna

e fai il sonno e la ninna nanna.  

   

Fonte :

Antonio Russo; Anita Madeo; Ruggiero Graziani; Elena Montalto;Gerardo Bonifiglio, Tonino Casciaro, Maria Chiaradia