Le Botteghe di una volta

3° VOLUME

 

Giovanni Scorzafave

 

Corigliano Calabro

Le Botteghe di una volta

 

III Volume

 

PRESENTAZIONE

 

Carissimi lettori, eccoci di nuovo insieme, qualora ne abbiate piacere, con il terzo volume de “Le botteghe di una volta”. Non si può fare a meno di ascoltare il cuore, quando a parlare è l’amore per la tua gente, per il paese, per quei luoghi dell’anima che ti porti dentro da sempre. E così, sono tornato a scrivere altre pagine, a pennellare, a fissare su una nuova tavolozza vecchi ma lucidi ricordi su quelle botteghe e bottegucce dal sapore antico, che profumavano di semplicità e laboriosità, dove piano piano prendeva vita e si consolidava il tessuto sociale, economico e morale della nostra città.

Per tutto questo, e anche per dare al mio bisogno di lasciare qualcosa di noi, delle nostre radici a coloro che verranno, sento il desiderio di raccontarmi e raccontare aprendo, se pur in modo virtuale, quelle tante porte chiuse da troppo tempo.

Tenere accesa la flebile luce della memoria è come bere un bicchiere di acqua fresca e limpida di sorgente quando hai sete in una giornata di calura. E ricordare non significa solo...

(continua)

Di seguito, l'elenco delle botteghe. Quelle sottolineate sono linkate per gli amici di Facebook e di Twitter.

 

Botteghe   

'A putiga 'i ri fratelli Gallina 

 

'U panificio 'i ri fratelli Privato 

 

L'officina 'i Leonardo Le Pera 

 

'A putiga 'i ra Rapida, 'i ri fratelli Polino 

 

'A marmeria 'i mastro Giuseppe Lupinacci 

 

'A cantna 'i zu 'Ntonio 'u pagano 

 

'A putiga 'i mastro Tonino Triolo 

 

'A putiga 'i mastro Gennaro Bruno 

 

'U panifici 'i Anella 

 

'A putiga 'i mastro Giuseppe Candreva 

 

'A putiga 'i Micuccio Avella 

 

'A putiga 'i zu Rumìnichi 'i Ciccuzzi 

 

'A cantina 'i ru Prisirente 'A Grotta 

 

'A varbaria 'i mastro Totonno Pasqua 

 

I Putighi i don Salvatore e ddi Ciccilli Maradea 

 

'A putiga 'i Micucci 'i Chjirichella 

 

'A chjanca 'i ri fratelli Benvenuto 

 

'A sartoria 'i ri fratelli Ortale 

 

'A putiga 'i Fofonz' 'i Vandera 

 

'A putiga 'i Peppino Longo 

 

'A cantina 'i ri Quattri-Quattri  

 

'A Ggenzia 'i don Giorgio Cimino 

 

'A putiga 'i don Alfredo Russo 

 

'A putiga 'i Ciccilli 'i Murgiarella 

 

'A putiga 'i don Peppino Spezzano 

 

'A putiga 'i donna Lena 

 

'A varbaria 'i mastro Alberto Amato 

 

'A putiga 'i Leonardo Grillo 

 

'A putiga 'i Elio Marianelli 

 

'A rificeria 'i ra famigghja Quintieri 

 

'A putiga 'i mastro Raffaele Ferrarese e ddi mastro Luigi Palmieri 

 

'A cantina 'i Chjirichella 

 

I racconti sono stati scritti tutti dall'Autore del libro, tranne due:
'U panifici 'i ri fratelli Privato (Enzo Cumino) e 'A putiga 'i donna Lena (Maddalena Avolo)