Poesie e dediche al Santo Patrono S.Francesco di Paola

‘A festa i ri vinticinchi


Quanni ghè ra festa i rì vinticinchi

tutt'u pajsi si trasforma affesta;

'u santi prutitturi i ru pajsi

Va fistiggiati i tutti e unurati.

Tre gghjuorni i festa

Tra prucissiuni e bbisiti a 'ra gghiesia.

'U santi scinna a ra staziona

e ppuri a ra marina,

ccu ra musica e ra band'avant'avanti

dduvi na botta duvi nu tric trac

'u santi 'i tutti quanti ghè salutati

Pu si ricogghia supra, a ru pajsi

pi prusiguiri i festeggiamienti.

Ohi quanti bbancarelle!

cuminciani a ra villa margarita

fin'a 'nchianari quasi all'acquirotti.

Tuttu 'u bbeni i ddii pu'trovarti

seggi, tavuli e 'mbagghieti,

juochi ppì rranni eppi ri pitiriìli,

bbancarelle i turruni e ddi nucilli,

piettini, pittinissii e ccioncianielli.

Cc'è cchini grira: "cca' 'a rrobba è bbella"

mentr' u guagnuni e ra quatrarella

tirini a mamma vers' 'a bbancarella.

E 'a ra gghiesa tutt' addubbata a ffesta

Chini n’avimmaria

chini nu ciròggini

tutti na visita fani a S. Mbrangischi,

'u santi prutitturi i ru pajsi.

Ccussì facienni passini i tre gghjuorni

fin 'a ra menzannotti ccu ru fuochi

tra nu chioviri i botti culurati.

E mentre l'orchestra sona sup' u parchi

tutti cuntienti e forsi puri bbrilli

a ggenti chiani chiani si nni scinna

pinzarmi a ru santi viecchiarielli. 

(Luigi Aragone)

La festa dei venticinque

 

Quando è la festa dei venticinque

tutto il paese si trasforma in festa;

il santo protettore del paese

va festeggiato da tutti ed onorato.

Tre giorni di festa

tra processioni e visite alla chiesa.

Il santo scende alla stazione

e pure alla marina,

con la musica e la banda avanti

dove un botto e un tric trac

il santo da tutti quanti è salutato.

Poi ritorna su al paese

per proseguire i festeggiamenti.

Oh quante bancarelle!

incominciano dalla villa margherita

fino a salire quasi all'acquedotto.

Tutto il ben di dio puoi trovare

sedie, tavoli e fiaschi,

giochi per grandi e per bambini,

bancarelle di torroni e di noccioline.

C'è chi grida : "qui la roba è bella"

mentre un ragazzo e una ragazzina

tirano la mamma verso la bancarella

E in chiesa tutta addobata a festa

chi un'avemaria

chi una candela

tutti fanno visita a S. Francesco,

il santo protettore del paese.

Così trascorrono i tre giorni

fino a mezzanotte con il fuoco

in una pioggia di botti colorati.

E mentre l'orchesta suona sul palco

tutti contenti e forse anche sbronzi

la gente piano piano se ne scende

pensando al santo viecchietto.

 

(Luigi Aragone)