Antonio Ungaro (Ciccuzzi)

(Il Rapido n.1 del 1963-Colloqui con gli Autori)

Sono nato in questa città il 4 Novembre, data di grazia, del 1894.Dovendo lavorare per il quotidiano sostentamento,ho frequentato fino alla seconda elementare e in seguito un Corso di Scuola serale, durato alcuni mesi, affidato all'abile guida del già scomparso Prof. Raffaele Amato, allora allora diplomatosi. Di detto corso —faccio le dovute scuse — sono stato il più bravo, citato quale esempio nel breve discorso tenuto dall'insegnante a chiusura del corso medesimo.

Poi sono partito per Buenos Aires, dimorandovi pressocché dodici anni, dove, nei ritagli di tempo, mi dilettavo a leggere giornali, riviste ed altro, inispagnuolo e in italiano, da cui, come vedete, ho potuto imparare quel poco che so, ma con quali spiacevoli conseguenze se si considera che mi son fatto cogliere dalla mania di  scarabocchiare sempre

versi, tanto da non capirci più nulla e da sentire il bisogno di farne lagnanza ad un amico lontano nel contenuto che qui appresso leggete: 


I SONETTI 

N'haji fatti sunetti e sunittìelli

i quanni m'è binuti ssu gulij

i fari viersi e diri i fissarij

chi rìri pò nu poviru ciarbielli!

 

M'accuorgi mò chi cci su' l'annicielli

ch'a metrica e ri rimi un su' ppi mij,

puri si tuttu nuni ci curpi ghij,

- pirciò ch'a bboti iji piensi e mi ribielli:

 

quanni issi cosi scola è vuti fatta? -

Sulu a ssu munni, jenni supr'e ssutti,

sempri sbattuti cum'u mari sbatta.

 

Mo - ppi confuorti? —i ciangiri mi resta

supra ssu mari i viersi muti tutti,

mentri u cori i nni fari nun s'arresta.

 

Antonio Ungaro 

Cliccare sul simbolo * per leggere le spiegazioni e/o commenti

San Francischi   *  

Guardati ‘i chillu visu lu sbiannuri,

chill’uocchi chi vitrijini lampanti,

l’aspietti maistusi, sumigghianti

a nissun’autri santu fra ‘i maggiuri,

cumi vussa di santi ‘u ‘mperaturi

e ddu munni ‘u cchiu ‘ntisu, ‘u cchiu rignanti,

quann’escia e fa ru ggiri ru paisi.

 
   

I Vinticinchi

Eccu ca i Curghianisi fani fasta:

festa ri Vinticinchi, festa ranna,

pircui genti e cchiù genti rogni banna,

finu a putiri riri na timpesta,

ccà arriva e si cunfunna e iccussì resta

prigiuniera, filicia.

 
   

A Prighiera 

Rùnimi forza, Ggesù Cristu miji,                    

ppi risistiri e suparar’ u mali             

ch'ogni bbota mi chiova a ddosi guali,

si a suffirenza è carità di Diji.

 

Mi sienti sempri cchjù bbicin’a Ttiji,

cchjù buoni, e cchjù pirdugni si cchjù ssali

mi sienti a ri firiti : u criminali

ntru fuocu è ddi rimuorsi, iju pienzi, iju criji.

 

Rùmini forza, rùmini curaggi :

un c’è cosa cchjù bella ru suffriri,

sbattienni, anchi si tutt’è di passaggi.

 

Lumi rùnimi, rùnimi cchjù lluci:

vuogghj sempri cchjù amari e bbiniriri

 

ssa vita sutt’u pisu i tutti i cruci.

 
   

Juri i pantani   *

Lijitivilli, amichi, chjani chjani

chilli poviri viersi chi vi manni:

su viersicielli fatti ccu ssi mani

tosti, callusi ma luntani i nganni.

 

Hàni sufferti pp’abbusc(i)cari u pani

ssu munnu munni jenni fatiganni

e ffini ch’ ‘un c’è morta lori vani

guai tumina tumin’acchjappanni.

 

Lijitivilli i viersi chi vi scrivi

ccu sti mani ch’ ‘un sani né ripuosi,

nnè ccuntintizza e ddi spirtienza privi.

 

Lijitivilli ccu nna zich’i cori:

nàscini ntru pantani certi rosi

còti i nissuni ma su puri fiori.

fiori dal fango.

leggete, amici, piano piano

questi poveri versi che vi mando:

sono versi fatti con queste mani

dure, callose ma lontano da inganni. 

Hanno sofferto per guadagnarsi il pane

per il mondo andando faticando

e finche' non arriva la morte loro vanno

prendendo guai a tomolate. 

Leggete i versi che vi scrivo

con queste mani che non conoscono riposo,

contentezza e privi di conoscenza.

leggeteli con un po' di cuore:

nascono nel fango certe rose

raccolte da nessuno ma sono pure fiori

 

 

 

 

'U vini 

Tiegnu suli tre' butti ntra cantina,

tre butti rossi e ssu di Don Gninnari:

si sa ca chissà rrobba, rrobba fina,

su'bena lugghj u nsi pò trivillari.

 

 

 

Natali 

Santu Natalu mii, buonu vinuti!

Cchi nnovi st’anni ‘i grazia m’ha purtati?

Tu viri quanti cosi su accurruti

er accàrini, ‘mpressi, a ra jurnati!

 

Quanti nimici ciessi e scanusciuti

e quant’ìntimi amici mašcarati,

quanti cungiuri, quanti finti aiuti,

quanta marbagità sempr’in agguati!

 

Santu Natalu mii rùnimi paci,

anchi si ‘u pisu avanza di cchiù cruci,

anchi si l’odii striscia e cchiù è tinaci.

 

Santu Natalu mii rùnimi forza

e ru caminu mii spinusu alluci

e ru ricuordi ‘i tutti i mali smorza

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Potete leggere altre poesie(più di 100) del poeta Ungaro, conosciuto come Ciccuzzi, sul quindicinale coriglianese Cor Bonum, che troverete nelle sottopagine di "Come eravamo, e cioè in "Correva l'anno". (dal 1945 in poi)