Le poesie di Gerardo Bonifiglio

BREVI NOTE BIOGRAFICHE

 

Gerado Bonifiglio è nato a Corigliano C. il 4 agosto 1946.  Nel solco della tradizione di famiglia è sempre stato attivo nella politica e nel sociale, in particolare partecipando agli eventi che proprio negli anni '60 si andavano sviluppando anche a Corigliano, compresi i vari “Circoli Culturali” che allora nascevano.  

Completati gli studi si trasferisce a Milano nel 1970. Assunto in Alfa Romeo ha iniziato in quell'Azienda la carriera lavorativa, fino a raggiungere il livello di Funzionario d'Azienda e Responsabile della Formazione Commerciale Attività preceduta da docenze in aula e progettazione di pacchetti formativi. Ruoli che lo hanno portato a viaggiare molto in Italia e all'estero. In particolare in Francia, Germania, Spagna, Grecia e Polonia.

  Verso la fine degli anni '80, per tre anni è stato Promotore del Miglioramento Continuo per la diffusione e miglioramento dei processi di tutti i settori della Direzione Commerciale nell'ambito di un Piano di Qualità Totale. Per alcuni anni è stato Responsabile del Coordinamento di un Programma di Formazione finalizzato all'inserimento di neo-laureati nel mondo del lavoro. Programma finanziato dal Fondo Sociale Europeo.

Negli anni 2000 ha fatto parte per 5 anni come Esperto esterno, della Commissione Cultura del Comune di Milano, Municipio Milano Centro.

Da sempre appassionato di tematiche legate in generale alla Linguistica e alla dialettologia in particolare ha ripreso in modo amatoriale lo studio del Latino e del Greco e si diletta a scrivere versi in vernacolo coriglianese, per lo più legati a ricordi personali e alle tradizioni del nostro paese, per le quali ha scritto anche qualcosa in prosa.

Appassionato lettore di testi di Filosofia, di Sociologia e di Folklore, e di pochi autori contemporanei quali L. Sciascia, L. Borges, G. Bufalino, C.Pavese ,  E. Flaiano ;assieme all'ascolto di musica classica, Chopin in particolare,  vi dedica una discreta parte del suo tempo libero.

A Simena Santa

  

U juovi santi si giravini i sibburchi

pripareti ccu tutti i lavurielli.

U venniri era juorni i pinitenza

e manchi si putija cammareri,

a mmatineta ghiscivini  i vattienti

ccu na musica appriessi

chi suneva a taluormi.

 

Tutti i campeni ristavini muti

e suli a grancascia putija suneri.

Puri u cieli s’arravugghjeva

e paria ca trivuli facija.

 

U sabiti matina era ‘nna festa

E tutti i campeni sunavini a groria.

‘Ntra tutti i vicinanzi si sintija

u strusci i ri rametti srascineti,

e chini avia puri u zurri-zurri

u facia gireri ccu alligria.

 

Pisaturi,  culluri e jascarelli

Gherini a gioia i tutti i famigghjelli.

Pu su arriveti i “Colombi Pascheli”

e r’è finita puri a tradizioni.

Mo vuva mi riciti ca non tutti ghè bberi,

e bi puozzi puri  reri  raggiuni.

 

I viecchi su nu pochi rucculanti

e  parrini sempri i ri tiempi passeti.

A viritè però, a sacci ghia :

un ne né Paschi e nè Bbifania

forse è suli nu pochi i nustargia,

 o puri ghe sulamenti a giuvintù

ca ssinne juti e ru  bbena cchiù. 

 

La settimana Santa

 

Il giovedì Santo si visitavano i Sepolcri

preparati con tutti i “lavurielli”.

Il venerdì era giorno di penitenza

e neanche si poteva mangiare carne

in mattinata uscivano i “battenti”

con una musica appresso

che suonava con tristezza.

 

Tutte le campane restavano mute

e solo la troccola poteva suonare.

Anche il cielo si rabbuiava 

e sembrava che si lamentasse.

 

Il sabato mattina era una festa

e tutte le campane suonavano a gloria.

In tutti i vicinati si sentiva

il rumore dei barattoli di latta   trascinati

e chi aveva anche la raganella

la faceva girare con allegria.

 

Pisaturi, culluri e jascarelli 

erano la gioia di tutte le famigliole.

Poi sono arrivate le “Colombe Pasquali”

ed è finita anche la tradizione.

Ora voi mi dite che non è tutto vero,

e vi posso anche dare ragione.

 

I vecchi sono un po' lagnosi

e parlano sempre dei tempi passati.

La verità però, la conosco io:

non è né Pasqua e neanche Epifania

forse è solo un po' di nostalgia,

oppure è soltanto la gioventù

che se ne è andata e non torna più.


NOTE:

“lavurielli = piccoli contenitori di forme varie nei quali venivano fatti germogliare, al buio, semi di grano o altro frumento e adornavano gli altari . Troccola o Tarlaca = strumento di legno a manovella che sostituivano le campane.

U tiempi vula

  

U tiempi m’è bbuleti e ssi nn'è jjuti

E mo mi truovi viecchj e arripicchieti.

A ra Purtella i primi passi è reti

E ra Santuori mani vattijeti. 

 

Ohi cumi l’anni passini priesti

Ca ti nni fuji o a ru paisi riesti.

Ghia mi nni sugni juti e un sugni cchiù turneti

E tutti st'anni u munni hai girati.

 

Ma a sira quanni a ru cuscini

A capi appuoggi

Prima c’u suonni vena e mi pigghja

Cu ru pinsieri tuorni arrieri

E bbiri u vicinanzi, a casa  mia

Adduvi sugni nati e ri juochi chi facia pittirilli:

scintilli, a ru carruoccili,petri i trentuni,

manuè zazà e mazzuni; 

 

pu quanni  ropp’a steti

i tiempi si rumpivini,vinia l’ura

i jucheri a ra mazza

a feri sani o puri ccu ru trugghj a sc(i)casceri.

Pu ccu ri ritrattini o i copparielli

O i quattri sordi a batta muri o a fontanella.

 

A sira pu arrivava e si facia ll’ura

I si ricogghjri.

A mamma intanti avia cucinati

Rua bobbi fritti o anc’una autra cosa.

 

Quanni vinijni i festi cc’alligria

Ca fussa di  Natali o Bbifania

A tavula parata,u vini nuovi

E addura chi vinija dda cucina

U baccalà,i vruocculi stufati,i cipullizzi

E chini s’a scurdeti!

 

Ohi cumi passa priesti u tiempi bielli

U tiempi vula e ni facimi viecchj

“viecchj e chi mora” ricijni antichi

E no ppi forza ‘nzipurtura ha steri.

Pu, un ti sienti chhiù cumi ‘na vota

‘na vota quanni ghera cchiù guagghjuni

E ra vicchiaia ti parija luntana.

Sbrigghjeti tutt' u jurni ppi ra via, senza pinsieri

E senza sintimenti.

U vierni certi voti nivicava

E a ra staggiuna certi calandrelli. 

 

Mo certi voti mi scasta ru cori

I quanni m’affacciava

A chilla finestrella

 e mbacci avia ru meri e r’a muntagna.

 

 Il tempo vola

 

Il tempo è volato e se ne è andato

e ora mi trovo vecchio e aggrinzito. 

Alla Portella ho dato i primi passi

e a Santoro sono stato battezzato.

 

Oh come gli anni passano presto

Sia che te ne vai o al paese resti. 

Io me ne sono andato e non sono più tornato

E in tutti questi anni il mondo ho girato.

 

Ma la sera quando sul cuscino

la testa appoggio 

Prima che il sonno venga e mi rapisce

con il pensiero torno indietro 

E vedo il vicinato, la mia casa

Dove sono nato e i giochi che facevo da piccolo: 

Scintilli, con la trottola, a nascondino,

manuè zazà, , mazzuni; 

 

poi quando dopo l'estate

il tempo si guastava, veniva il momento 

di giocare alla mazza

a “fare sani” oppure ccu ru trugghj a scassare 

Poi con le figurine o con i tappi

con i “quattrosoldi” a “battimuro “ o “fontalella”

 

La sera poi arrivava e si faceva l'ora

di ritirarsi 

La mamma intanto aveva cucinato

Due pesci fritti o qualche altra cosa.

 

Quando arrivavano le Feste, che allegria

sia che fosse Natale o l'Epifania 

La tavola apparecchiata, il vino nuovo

e l'odore che arrivava dalla cucina,

il baccalà,i broccoli stufati,le cipolline selvatiche

e chi le ha dimenticate !

 

Oh come passano presto i tempi belli

il tempo vola e diventiamo vecchi

“vecchio è chi muore “ dicevano gli antichi

e non per forza sottoterra devi stare. 

Poi non ti senti più come una volta

una volta quando eri bambino

e la vecchiaia ti sembrava lontana. 

Senza briglie tutto il giorno per la via, senza pensieri

e senza preoccupazioni. 

D'inverno certe volte nevicava

e d'estate certe calure.

 

Ora a volte sento nostalgia

di quando mi affacciavo

a quella finestrella  

e difronte avevo il mare e la montagna.


Note: Santoro = Chiesa parrocchiale. “Scintilli, carruoccili, petri i trent'uno, manuè zazà, mazzuni = giochi di strada. Mazza, truglio, sccasceri, = giochi. Batta muro, fontanella = tipi di gioco. Calandrelle  = calure estive. 

Traduzione di alcuni vocaboli “Arripicchieti = Rinsecchito - “Feri seni” e “Sc(i)casceri”= due modalità di gioco “Ritrattini” = Figurine - “Nzipurtura “ = Sotto terra - “Sbrigghjeti” = Senza briglie - “Scasta  ru cori” = Sentire nostalgia - “Mbacci” = Di fronte

  ADDURI

 

Ogni tanti,

ma senza 'na scasuna

mi venini a ra menti certi adduri.

Adduri c'un mi puozzi cchiù scurderi,

adduri chi 'ntra l'arma su trasuti.

 

Mo proprii a stu mumenti

cumi si fussa sutta na friscura

'ntra nu jardini a primavera

m'arrivini ccu ll'aria chi si mova

adduri i juri i ranci.

 

I stesssi chi sintija

quanni cchiu quatrarielli

giranni ppi ri streti i ru paisi,

passanni i dduvi cc'era nu stravienti

s'incanaleva l'aria

e bellu, belli

arriveva a ru nesi e ra ru cori.

 

Pinzanni a ra ruminica matina

adduri i ru ragù chi passu passi

i ra cucina arriva a ru purtuni.

 

O quanni a sira i ru misi i jinneri

mentri a mamma trasija ri nzoni stisi

adduri i ru sireni

ntra nu mumenti a cammira ghinghjiva.

 

Adduri chi viniva dd'u vrascieri

quanni p'un sentiri a puzza i ri carbuni

si cci jitteva corchj i mannarini.

  

O adduri i l'aria frisca i ra matina

quanni mineva ra tramuntena.

O chill'adduri i ligni vrusceti

chi ghescia ccu ru fumi

i tutti i cimineri,

appena i primi friddi, sutta Nateli,

si facijni sintìri.

 

Adduri i ru meri sup'u mmatti

quanni cc'era nu pochi i grecaleta

e ru cori un ti ricija ddi tinni jiri.

 

Ma adduri c'un si sentini ntru nesi

su adduri i ricordi

chi nulli porrà mei cancilleri.

  

I primi sguardi, i primi vattamienti,

i primi suonni, i primi cosi belli,

i cosi chi tu suli ha canusciuti

e su stipati 'nchiusi, stritti 'n cori.

ODORI

 

Ogni tanto,

ma senza una scusa

mi vengono alla mente certi odori,

odori che non posso più dimenticare,

odori che nell'animo sono entrati.

  

Ora proprio in questo momento

come se fossi sotto un'ombra

in un giardino a primavera

mi arrivano con l'aria che si muove

profumi di fiori d'arancio.

 

Gli stessi che sentivo

quando, da  ragazzo

girando per le strade del paese

passando dove c'era uno stravento

s'incanalava l'aria

e bella , bella,

arrivava al naso ed al cuore.

  

Pensando alla domenica mattina

l'odore del ragù che piano, piano

dalla cucina arrivava fino al portone.

 

O quando la sera nel mese di Gennaio

mentre mia madre rientrava i panni stesi

l'odore del “sereno”

in un momento la camera riempiva.

 

L'odore che veniva dal braciere

quando per non sentire la puzza dei carboni

vi si buttavano le scorze dei mandarini.

  

O l'odore dell'aria fresca al mattino

quando tirava la tramontana,

o quell'odore di legna bruciata

che usciva con il fumo

da tutti i comignoli

appena i primi freddi, intorno a Natale,

si facevano sentire.

  

L'odore del mare sopra la spiaggia

quando c'era il vento di grecale

ed il cuore ti invitava a restare.

 

Ma gli odori che non si sentono col naso

sono gli odori dei ricordi

che nessuno potrà mai cancellare.

  

I primi sguardi, i primi battiti (del cuore )

i primi sogni, le prime cose belle,

cose che tu solo hai conosciuto

e sono conservati, chiusi stretti nel cuore.


NOTE

Scasuna = scusa; Friscura = luogo in ombra; Stravienti = riparato dal vento forte; ’Nzoni = panni; Sireni = si ha quando fa freddo a ciel sereno; Mmatti = bagnasciuga; Grecaleta  = vento che viene da est , Grecale; Vattamienti = batticuori

U VICINANZI I ‘NA VOTA

 

‘Ntra ‘sti vinelli quanti cosi è visti

e quanta ggenti  chi murija ddi femi.

‘Ntra ‘nu catuoji sutta a chesa mmia ,

 senza finestri ccu  ‘na sula porta

cci stavini ammasseti, cinchi cristieni

chi s’abbuffavini i marelli e sarechi..

 

Pu’ versi a fini i maggi

sbrigghieti tutt’u juorni fin’a sira

scauzi e caruseti tutti i guagghjuni

jucavini ,  ghirranni  ppi ra vija.

 

A steti ‘ntra cuntrura ,ccu certi calandrelli,

si steva chiusi ghintri

 ppi ra pagura i scunteri i scurzuni 

o i spiriti ammazzeti, arrassi sia.

 

Suli Spiriti, vers’a rifrischeta

jiva  ghirranni : “gelat’a lemoni”

E cu nu sordicielli i cinchi liri

Ti nni ghinghija ‘nu copparielli seni.

 

Ogni staggiuna avia ri juochi sua,

e quanni finarmenti i tiempi si rumpivini

e ri primi trubbiji arravugghjavini u cieli

si circavini i gafiji e ri purtuni.

 

Ogni tanti r'avanti a nu caneli

si garmavini certi zumpiniji

chi finivini sempri a scerre e guerri

e certi voti rijivini tre juorni,

si carmavini a sira a ra scureta,

si jitteva ru seli 'mperi a porta,

e a matineti ghera punti e a cchepi.

 

Supra n'astrachielli

cunzeti a nu strameni

i cummeri si cuntavi a vintura,

e  ccu ri meni scazzavini prucchj.

Ancuna ccu ri fierri lavureva

 e pripareva magghji e quazietti.

 

A ru tiempi i ru vinnimeri

I mulittieri ccu ri cavarcaturi

carrijavini  u mmusti i ra muntagna

e ppi ri vii si sintia ‘na dduri!

 

Mo è tiempi sulamenti i ri ricuordi

i cosi su cangeti e un c'è riperi

e nn ‘ami steri sulamenti attienti 

c’ancuna lacrimella, passu passi,

ni scinna sup’a faccia e chera ‘nterra.

IL VICINATO DI UNA VOLTA

 

In questi vicoli quante cose ho visto

e quanta gente che moriva di fame.

In un basso sotto la mia casa,

senza finestre con la sola porta

ci vivevano ammassati cinque persone

che si abbuffavano di erbe selvatiche e aringhe.

 

Poi verso la fine di maggio

senza freni, tutto il giorno fino a sera

scalzi e rasati tutti i ragazzi

giocavano, gridando per la via.

 

D'estate nella controra, con un gran caldo

si stava chiusi dentro

per la paura di incontrare serpenti

e spiriti di morti assassinati, che sia lontano da noi.

 

Solo Espedito, verso il tardi pomeriggio

andava gridando: “gelati a limone“

e con una moneta di cinque lire

te ne riempiva un cono intero.

 

Ogni stagione aveva i suoi giochi

e quando finalmente finiva l'estate

e le prime burrasche oscuravano il cielo

si cercavano i luoghi riparati e i portoni.

 

Ogni tanto davanti ad una fontana

si inscenavano certe gazzarre

che finivano sempre a litigi e “guerre”

che certe volte duravano tre giorni

si calmavano a sera quando faceva buio

si buttava del sale davanti alla porta

e il mattino dopo era punto e a capo.

 

Sopra un pianerottolo

in un posto riparato

le comari si “raccontavano le loro avventure”

e con le mani schiacciavano pidocchi (sulla testa).

Qualcuna lavorava ai ferri

e preparava maglie e calzini.

 

Al tempo della vendemmia

i mulattieri con le loro bestie

trasportavano il mosto dalla montagna

e per le vie si sentiva un odore!

 

Ora è tempo solo dei ricordi

le cose sono cambiate e non c'è niente da fare

e dobbiamo stare solo attenti

che qualche lacrimuccia, piano, piano,

scenda sul viso e cade a terra.


NOTE

 

Marelle: tarassaco selvatico - Catuoi: sotto scala, basso interrato - Caruseti: con la testa rapata - Calandrelle: gran caldo. (Questo termine designava anche un tipo di scarpe) - Spiriti ammazzeti: c'era la credenza che gli spiriti di morte violente vagassero in quell'ora (La controra) - Trubbij: burrasche di fine estate -Gafij: pianerottolo esterno coperto - Si jitteva ru seli: si buttava il sale davanti alla porta (Usanza apotropaica per evitare il malocchio delle vicine, particolarmente quando c'erano bisticci) - Scazzavini: schiacciavano - Carriavini: trasportavano con gli otri il mosto.

ACQUANOVA

 

Scinnienni all'Acquanova i ra Purtella,

forsi unn'avia manchi quinnici anni,

un mm'arricurdi s'era ancuna festa

o puri na ruminica matina,

 

na murri i genti a rrolla si nni steva

ancuni si mmijeva a camineri

vers'a vucca i Cirriji e dda Ricella,

ppi ssi nni jiri 'ntr' ancuna cantina.

 

Quanti putighi e quanti tabbacchini !

Cc'era puri na coppia i riggiteni

ca ccu nu pochi i zucchiri e pacienza

facijni ppi ra gioia i ri guagnuni

i primi caramelli fatti a meni

e ccu nu sordicielli i reci  liri

na junta ti ghinghjia peri, peri.

 

Cc'era  ra bancarella i Pittineti

chi vinnija nucilli e jocarielli,

p'un parreri  i ri barri e ddi chjanchieri.

Cc'erini ammuzzaiuli i ra virdura

chi ccu ri ciucciarielli, ogni matina

scarricavini casci i pumaroli,

e quanni ghera ru tiemp'i ri Festi,

muntagni i vruocculi e di cipullizzi.

 

I gghjegghji e l'achitreni ccu ri ciucci

purtavini lupini e pullastrielli,

pastelli scioti e castagni 'mbileti.

 

Mbisi a ru muri i nu palazzi antichi

cc'erini i cartelloni ccu l'attori,

e tutti si 'ngialavini a guarderi.

 

Ppi ddiri a viritè, cumi sapiti,

i fimmini un ci nn'era manchi l'ombra,

l'usanza i ru paisi  a chilli tiempi

ghera nu pochi arrieri ccu ra storia.

 

P'u ddiri i quanni ghera di Nateli

c'arrivavini tutti i “germanesi”

ccu r'adduri i ri sigaretti novi,

e ri vistiti buoni e ri cravatti.

 

Mo' m'hani ritti c'un c'è cchiù nissuni,

c'a bboti cci assimia nu campisanti;

e bba truvanni mo' chini ghè steti

c'ha rinnutti u paisi i sta manera.

 

I quanni a fulla un ti facia passeri,

e ccu ri gumiti t'avia ajuteri,

a mmo , cumi hani ritti ancuni amici:

manchi na cuccuvella ti cci canta.

 

Nuvi c'hami vissuti i tiempi antichi

avimi ntri ricordi n'etra storia:

n'arricurdemi quanni a r'elezioni

arrivavini i miegghji comizianti

e r'a ggenti chi vattija ri meni,

arriveva a ra scisa i Sant'Antonji.

 

I tiempi su accussì, a ggenti cangia,

ancuni sinnè jiuti pi bisuogni,

ancuni ppi na chesa “cchiù moderna”

ccu l'ascenzori e ri riscaldamenti,

e  ra machina aviri 'mper'a porta.

 

Hani lasseti l'aria i ru paisi,

l'aria chjin'i adduri e 'mbarsameta,

ppi ssi nni jiri  a steri 'ntra na fossa,

chjini i gumititè e zampanelli.

Ancuni certamenti “ccià mangeti”,

spiculeti e guruti i cchi maneri.

 

 Cchi nni parremi a fferi a chistu punti :

“Chistì è ra zita e Sabella si chiema”,

cumi ricija nu bielli ritti antichi

e bast' a ciangiri sup'u passeti.

ACQUANOVA

 

Scendendo all'Acquanova dalla Portella

forse non avevo neanche quindici anni,

non ricordo se c'era qualche festa

oppure era Domenica mattina,

 

una moltitudine di persone a gruppi se ne stava,

alcuni incominciavano a camminare

verso Cirria e la Ricella

per andare in qualche cantina.

 

Quante botteghe, e quanti tabaccai!

C'era pure una coppia di reggini

che con un po' di zucchero e pazienza

facevano per la gioia dei bambini,

le prime caramelle fatte a mano

e con una moneta di dieci lire,

ti riempivano tutte le mani.

 

C'era la bancarella di Pettinato

che vendeva noccioline e giocattoli,

per non parlare dei Bar e dei macellai.

Cerano venditori di verdura

che con gli asinelli, ogni mattina

scaricavano cassette di pomodori,

e quando era il tempo delle Feste

montagne di broccoli e di cipolline selvatiche.

 

Gli albanesi e gli acresi con gli asini

portavano lupini e pollastre,

castagne secche sfuse e infilate.

 

Appesi ad un muro di un palazzo antico

c'erano i cartelloni cinematografici

e tutti si fermavano a guardarli.

 

Per dire la verità, come sapete,

di donne non ce n'era neanche l'ombra,

l'usanza del paese a quei tempi

era un po' indietro con la storia.

 

Per non dire di quando era Natale

quando arrivavano tutti gli emigranti

con l'odore delle sigarette nuove

e i vestiti buoni e le cravatte.

 

Ora mi hanno detto che non c'è più nessuno,

che a volte ci somiglia un Camposanto

ed è inutile cercare chi è stato

che ha ridotto il paese in questo stato.

 

Di quando la folla non ti faceva passare,

e con i gomiti ti dovevi aiutare,

ad ora, come mi hanno detto alcuni amici:

neanche la civetta ci canta.

 

Noi che abbiamo vissuti i tempi antichi

abbiamo nei ricordi un'altra storia:

ci ricordiamo di quando nel periodo delle elezioni

arrivavano i migliori comizianti

e la gente che batteva le mani,

arrivava fino alla discesa di Sant'Antonio.

 

I tempi sono così, la gente cambia,

qualcuno se ne è andato per bisogno,

altri per una casa più moderna

con l'ascensore ed i riscaldamenti,

per avere la macchina sotto la porta.

 

Hanno lasciato l'aria del paese,

l'aria piena di odori e imbalsamata,

per andarsene a vivere in una fossa

piena di umidità e zanzare.

Qualcuno certamente “ci ha mangiato”,

speculato e goduto in modo totale.

 

Cosa ne parliamo a fare a questo punto:

“questa è la fidanzata è Isabella si chiama”

come diceva un bel detto antico

e basta piangere sul passato.


NOTE

Murri = moltitudine; Mmijeva= incominciava; Jocarielli = giocattoli; Chjanchieri= macellai; Ammuzzaiuoli =venditori di frutta e verdura, cosi chiamati perché compravano direttamente dai contadini a blocco. Cipullizzi= lampascioni;Gghjiegghji= albanesi;Pastelli = castagne secche senza buccia;Scioti= sfusi; 'Ngialavini = guardavano con attenzione;Germanesi =così chiamati tutti gli emigranti;Zampanelli =zanzare;“Chisti è ra zita...= detto che sta per “ così è se ti piace “.