Le poesie di Gerardo Bonifiglio

A Simena Santa

  

U juovi santi si giravini i sibburchi

pripareti ccu tutti i lavurielli.

U venniri era juorni i pinitenza

e manchi si putija cammareri,

a mmatineta ghiscivini  i vattienti

ccu na musica appriessi

chi suneva a taluormi.

 

Tutti i campeni ristavini muti

e suli a grancascia putija suneri.

Puri u cieli s’arravugghjeva

e paria ca trivuli facija.

 

U sabiti matina era ‘nna festa

E tutti i campeni sunavini a groria.

‘Ntra tutti i vicinanzi si sintija

u strusci i ri rametti srascineti,

e chini avia puri u zurri-zurri

u facia gireri ccu alligria.

 

Pisaturi,  culluri e jascarelli

Gherini a gioia i tutti i famigghjelli.

Pu su arriveti i “Colombi Pascheli”

e r’è finita puri a tradizioni.

Mo vuva mi riciti ca non tutti ghè bberi,

e bi puozzi puri  reri  raggiuni.

 

I viecchi su nu pochi rucculanti

e  parrini sempri i ri tiempi passeti.

A viritè però, a sacci ghia :

un ne né Paschi e nè Bbifania

forse è suli nu pochi i nustargia,

 o puri ghe sulamenti a giuvintù

ca ssinne juti e ru  bbena cchiù. 

 

La settimana Santa

 

Il giovedì Santo si visitavano i Sepolcri

preparati con tutti i “lavurielli”.

Il venerdì era giorno di penitenza

e neanche si poteva mangiare carne

in mattinata uscivano i “battenti”

con una musica appresso

che suonava con tristezza.

 

Tutte le campane restavano mute

e solo la troccola poteva suonare.

Anche il cielo si rabbuiava 

e sembrava che si lamentasse.

 

Il sabato mattina era una festa

e tutte le campane suonavano a gloria.

In tutti i vicinati si sentiva

il rumore dei barattoli di latta   trascinati

e chi aveva anche la raganella

la faceva girare con allegria.

 

Pisaturi, culluri e jascarelli 

erano la gioia di tutte le famigliole.

Poi sono arrivate le “Colombe Pasquali”

ed è finita anche la tradizione.

Ora voi mi dite che non è tutto vero,

e vi posso anche dare ragione.

 

I vecchi sono un po' lagnosi

e parlano sempre dei tempi passati.

La verità però, la conosco io:

non è né Pasqua e neanche Epifania

forse è solo un po' di nostalgia,

oppure è soltanto la gioventù

che se ne è andata e non torna più.


NOTE : “lavurielli = piccoli contenitori di forme varie nei quali venivano fatti germogliare, al buio, semi di grano o altro frumento e adornavano gli altari . Troccola o Tarlaca = strumento di legno a manovella che sostituivano le campane.

U tiempi vula

  

U tiempi m’è bbuleti e ssi nn'è jjuti

E mo mi truovi viecchj e arripicchieti.

A ra Purtella i primi passi è reti

E ra Santuori mani vattijeti. 

 

Ohi cumi l’anni passini priesti

Ca ti nni fuji o a ru paisi riesti.

Ghia mi nni sugni juti e un sugni cchiù turneti

E tutti st'anni u munni hai girati.

 

Ma a sira quanni a ru cuscini

A capi appuoggi

Prima c’u suonni vena e mi pigghja

Cu ru pinsieri tuorni arrieri

E bbiri u vicinanzi, a casa  mia

Adduvi sugni nati e ri juochi chi facia pittirilli:

scintilli, a ru carruoccili,petri i trentuni,

manuè zazà e mazzuni; 

 

pu quanni  ropp’a steti

i tiempi si rumpivini,vinia l’ura

i jucheri a ra mazza

a feri sani o puri ccu ru trugghj a sc(i)casceri.

Pu ccu ri ritrattini o i copparielli

O i quattri sordi a batta muri o a fontanella.

 

A sira pu arrivava e si facia ll’ura

I si ricogghjri.

A mamma intanti avia cucinati

Rua bobbi fritti o anc’una autra cosa.

 

Quanni vinijni i festi cc’alligria

Ca fussa di  Natali o Bbifania

A tavula parata,u vini nuovi

E addura chi vinija dda cucina

U baccalà,i vruocculi stufati,i cipullizzi

E chini s’a scurdeti!

 

Ohi cumi passa priesti u tiempi bielli

U tiempi vula e ni facimi viecchj

“viecchj e chi mora” ricijni antichi

E no ppi forza ‘nzipurtura ha steri.

Pu, un ti sienti chhiù cumi ‘na vota

‘na vota quanni ghera cchiù guagghjuni

E ra vicchiaia ti parija luntana.

Sbrigghjeti tutt' u jurni ppi ra via, senza pinsieri

E senza sintimenti.

U vierni certi voti nivicava

E a ra staggiuna certi calandrelli. 

 

Mo certi voti mi scasta ru cori

I quanni m’affacciava

A chilla finestrella

 e mbacci avia ru meri e r’a muntagna.

 

 Il tempo vola

 

Il tempo è volato e se ne è andato

e ora mi trovo vecchio e aggrinzito. 

Alla Portella ho dato i primi passi

e a Santoro sono stato battezzato.

 

Oh come gli anni passano presto

Sia che te ne vai o al paese resti. 

Io me ne sono andato e non sono più tornato

E in tutti questi anni il mondo ho girato.

 

Ma la sera quando sul cuscino

la testa appoggio 

Prima che il sonno venga e mi rapisce

con il pensiero torno indietro 

E vedo il vicinato, la mia casa

Dove sono nato e i giochi che facevo da piccolo: 

Scintilli, con la trottola, a nascondino,

manuè zazà, , mazzuni; 

 

poi quando dopo l'estate

il tempo si guastava, veniva il momento 

di giocare alla mazza

a “fare sani” oppure ccu ru trugghj a scassare 

Poi con le figurine o con i tappi

con i “quattrosoldi” a “battimuro “ o “fontalella”

 

La sera poi arrivava e si faceva l'ora

di ritirarsi 

La mamma intanto aveva cucinato

Due pesci fritti o qualche altra cosa.

 

Quando arrivavano le Feste, che allegria

sia che fosse Natale o l'Epifania 

La tavola apparecchiata, il vino nuovo

e l'odore che arrivava dalla cucina,

il baccalà,i broccoli stufati,le cipolline selvatiche

e chi le ha dimenticate !

 

Oh come passano presto i tempi belli

il tempo vola e diventiamo vecchi

“vecchio è chi muore “ dicevano gli antichi

e non per forza sottoterra devi stare. 

Poi non ti senti più come una volta

una volta quando eri bambino

e la vecchiaia ti sembrava lontana. 

Senza briglie tutto il giorno per la via, senza pensieri

e senza preoccupazioni. 

D'inverno certe volte nevicava

e d'estate certe calure.

 

Ora a volte sento nostalgia

di quando mi affacciavo

a quella finestrella  

e difronte avevo il mare e la montagna.


Note: Santoro = Chiesa parrocchiale. “Scintilli, carruoccili, petri i trent'uno, manuè zazà, mazzuni = giochi di strada. Mazza, truglio, sccasceri, = giochi. Batta muro, fontanella = tipi di gioco. Calandrelle  = calure estive.

 

Traduzione di alcuni vocaboli “Arripicchieti = Rinsecchito - “Feri seni” e “Sc(i)casceri”= due modalità di gioco “Ritrattini” = Figurine - “Nzipurtura “ = Sotto terra - “Sbrigghjeti” = Senza briglie - “Scasta  ru cori” = Sentire nostalgia - “Mbacci” = Di fronte