Poesie dialettali, e non solo

 

Palummella janca'jancha

cchi cci puorti 'ntra 'sta lamba?

Ci puorti l'uogghji santi

pp'u runàri a ru Spiriti Santi.

'U Spiriti Santi m'ha cchiamàti

e ra mmija m'ha pparràti:

- 'S'uogghji 'un gghè ssuli ppi mmija, 

gghè ppuri ppi ru figghj'i Maria

Colombella bianca bianca

cosa porti in questa lampa?

Io ci porto l'olio santo

da donare allo Spirito Santo.

Lo Spirito Santo mi ha chiamato 

e mi ha parlato:

- Quest'olio non è solo per me,

ma è pure per il figlio di Maria

   

Maritatella mija, maritatella

t'ha juti a mmaritàri a ri casàli.

'Sti jetti nn'hàni purtàti zagarella,

mo' su' lligàti ccu zìnzuli e cordicelli;

'sti pieri nn'hàni purtàti scarpicelli

mo' su' rinnutti pieri r'animàli;

'sta vucca nn'ha ppruvàti cosi bbelli

mo' mancia ssuli pàni 'i jirmanelli

Sposina mia, sposina

ai casali ti sei andata a maritare.

Le tue trecce adorne di nastri belli

or son legate con stracci e cordicelle;

i tuoi piedi calzati sempre con scarpette

ora piedi d'animale son ridotti;

sta bocca che ha assaggiato cose buone

ora mangia solo pane germano.
   

Quanni sugni nàta ghija sbinduràta

tutti lu munni trìvulii facìja,

sugni nàta zenza mamm’e senza tàta

gòrfini malittrattàta ri la vija.

A chilla fascia chi m'hànni 'mbasciàta

ghera ttissuti ccu malincunija,

a chilla nàcha chi m'hàni 'nnazzicàta

ghera  ddi ligni 'i vrichi e nnu' ddurmija.

Jiva a ra gghiesija a mmi vattiàri,

mi mora ra vammàna ppi ra vija. 

Quando son nato io sventurato

tutto il mondo era tribolato,

cresciuto senza madre e  senza padre 

orfano per le strade maltrattato.

Le fasce con le quali m'han fasciato

tessute eran di malinconia,

la culla nella quale m'han cullato

d'erica era e mai v'ho riposato.

Andavo in chiesa per battezzarmi,

la mammana muore per la via

 

 

Cieli, terra, runatimi cunzigghji,

cunzigghji vuoj'i vuvi cum'hàji fàri.

Ccu 'nn'amanti hàji fatti 'nu  figghji

e ppu' m'hàni chiamàt’a u vattiàri.

Ha visti pàtri vattiàri figghji

e ra 'nn'amandi chiamàri cummàri?

Oji cchi ppena chi tena 'su figghji,

sconta ru pàtri e nnu'u pò chiamàri!

Cielo, terra, donatemi consigli

consigliatemi come devo fare.

Con un'amante ho avuto un figlio

e poi fui chiamato a battezzarlo.

Hai  visto padri battezzare  figli

e all'amante chiamare comare?

Una gran pena ha questo figlio,

incontra il padre e non lo può chiamare! 

 

 

Ccu rrobba e ssenza rrobba ghija ti vuogghji

e ccumi t'ha ffatti màmmita ti pigghji,

c'a rrobba si nn'abbula cum'u vienti

ma u mali quetri ti resta davanti!

Con roba(dote) e senza roba io ti voglio

e ti prendo(sposo) come ti ha partorito

tua madre(così come sei), perché la roba

(col tempo) va via, mentre il brutto quadro

(la moglie) ti resta sempre davanti.



Fundàna chi rinacqua ruva valluni

nun po' fàri 'nu jumi currendi;

'ccussì ghè l'uomi quanni nn'àma dduvi:

guna l'àma ddi cori e nn'atra nendi.

M'avija giuràti firi eternamenta

e ppinzàvi ch'era bbera 'u giustamiendi.

Mo' t'è bbinùti 'ssu ricchi mircandi

ti putìa pijàri a mmija zenza nenti? 

Fontana che alimenti due valloni

non puoi formare un fiume corrente;

così è l'uomo quando ama due donne:

ad una l'ama di cuore e all'altra niente.

Mi avevi giurato fede eternamente

e pensavo che fosse vero il nostro patto.

Ora t'è capitato questo ricco mercante,

potevi sposare me senza niente? 

 

 

Arburi chi ti chjà'mi salacuni,

quanni mmàji a ru munni a fatt'bbeni!

Su ghjut'a nnasciri'mmienzi ruva valluni 

ddu frutti tuva nu' mmi nni vija bbeni.

Albero che ti chiami (?) quando mai

al mondo hai fatto bene. sei andato

a nascere in mezzo a due valle e del

tuo frutto nenache l'ombra.

 

 

Ogni bbabbuni cerca ra mugghjèra

ppi r'èssiri chjamàti guom'nzuràti;

e roppi l'anni li pija ra freva : 

riventa ccumi 'nu galli spinnulàti

 Ogni zitello un pò babbeo cerca moglie

per essere chiamato uomo sposato;

e dopo un anno gli prende la febbre :

diventa come un gallo senza penne.

 

 

Quanni ven'u mis'Agusti

tutt'u misi fazzi festa :

vir'a Rosa senza bbusti
Carulina senza vesta;
e Mmarija bbell'e curtesa

suttavuci ma 'mminazza :

"Quanni vena cchistu misi

ti scippassa ll'uocchj'a faccia!"

Ma cchi spassi, ma cchi ggusti!

Bbiniritti, bbiniritti, 

bbiniritt'u mis'Agusti!

Quando viene il mese di Agosto

per tutto il mese faccio festa :

vedo Rosa senza busto

Carolina senza vesti;

e Maria bella e cortese,

sottovoce mi minaccia :

"Quando viene questo mese

ti scippassi gli occhi dalla faccia!"

Ma che spasso, ma che gusto!

Benedetto, benedetto,

benedetto il mese di Agosto!  

 

 

Sona, catarra mija, 'ntra notta scura,

quanni 'ngigni 'sti peni a ccundàri.

Addunn'i vicini nun cci ha jìri

e mmancha acqua t'ha fàri runàri,

ca si vu acqua ti la rugna ghija,

ti rugni 'u sangh’i ri veni mija;

si vu 'a tuvagghja ppi tt'asciuttàri

ti rugn'u veli ri lu cori mija. 

Suona chitarra mia, nella notte scura

così inizio le mie pene a raccontare.

Dai vicini tu non devi andare

e né acqua ti devi far donare,

perché se vuoi acqua te la dò io,

ti do il sangue delle vene mie;

se vuoi un panno  con cui asciugarti

ti dò il velo del cuore mio.

 

 

Ninna ninna, ninna nonna

ha figghjàta la Maronna

e r'ha ffatta 'nu quatrarielli

chi si chiàma Sarbaturielli.

Sarba a ttija e ssarba a mmija

e ssarba tutta 'a cumpagnija.

Ghè passàti 'nu mulinàri,

'un avija cchi cci ràri

e cci ha dàti 'nu pugni 'i farina

ppi ffàri 'a suppa a ru Bbommini.

'U Bbommini nun nni vò

e cchiamàmi a Ssa' Michèle.

Sa' Michele ghè gghjuti 'ncieli

a ssunàri 'i tre cambàni.

'I tre cambàni su' ssunàti,

mera  mera cumi s'è cunzàti

cumi 'na șchocca ri granàti,

mera mera cumi s'è mmisi

cumi 'na șchocca ri paravisi

Ninna ninna, ninna nanna

ha partorito la Madonna

e ha fatto un pargoletto

che si chiama Salvatorello.

Salva te e salva me

e salva tutta la compagnia.

E'  passato un molinaro

non sapeva cosa donare

e ha dato un pugno di farina

per fare la zuppa al Bambino.

Il Bambino non ne vuole

e chiamiamo San Michele.

San Michele è andato in cielo

a suonare le tre campane.

Le tre campane son suonate

guarda guarda come s'è aggiustato

come un grappolo di melegrane,

guarda guarda come s'è messo

come un lembo di paradiso

 

 

Si ruormi o nun dduormi, ti risbigghji,

sienti 'u bbeni tuva chi vena a ccantàri:

bella i ri belle, tu su 'a prima,

su 'a prim'amante 'i l'arma mija.

Hàji fatti vuti, bella, i t'amàri

e 'nta li vrazzi tuva pu' muriri. 

Sia che dormi o che non dormi, svegliati,

ascolta il tuo bene che ti viene a cantare:

bella tra le belle tu sei la prima,

la prima amante dell'anima mia.

Ho fatto voto, bella, di amarti

e tra le tue braccia poi morire.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fonte : Tonino Russo - La Rete -