La Polisportiva, e non solo

Dedico questa pagina alla famosa squadra di calcio, degli anni '60, della mia Città: LA POLISPORTIVA CORIGLIANO. Sono semplici frammenti, corredati da foto dell’epoca.

24 novembre 1963

Nasce la "Polisportiva Corigliano" 

Il sogno conseguito per decenni da numerosissimi sportivi della nostra città si è finalmente realizzato: anche Corigliano ha la sua Società Sportiva e la sua squadra di calcio regolarmente costituita, che disputerà il prossimo campionato di Seconda Divisione della Lega Nazionale. Già qualche tempo addietro l'avv. Policastri aveva iniziato la raccolta di un primo fondo per la costituzione della Società Sportiva. Ed il 30 ottobre scorso, insieme a Totonno Candia, Tonino Salerno, Mario Reda, Ernesto Paura, il dott. Alberto Anselmi, il dott. Luigi Sangregorio, l'avv. Giuseppe Fanile, il dott. Franco Borromeo, costituiva la "Società Polisportiva Corigliano". Veniva chiesta l'inscrizione alla Lega Regionale della F.I.G.C. e la partecipazione del prossimo campionato di calcio di seconda Divisione. Per il campo alla Soc. ACLI di Schiavonea veniva chiesto di poter usufruire del campo della Marina. Ottenuto l'iscrizione e la partecipazione nel campionato i suddetti fondatori della "Polisportiva" decidevano di convocare al Teatro Comunale, per domenica scorsa 24 novembre 1963, tutta la cittadinanza, per mettere a disposizione la società costituita. La manifestazione del 24 novembre è stata imponente e commovente: tutta Corigliano Sportiva è accorsa per plaudire alla magnifica iniziativa. Per acclamazione, veniva quindi eletto presidente il sig. Antonio Candia, il quale ha la capacità e la possibilità di dedicarsi a questo lavoro, ed ha dato prova di grande passione sportiva e di grande attaccamento alla Società, che ha potenziato con notevole contributo economico, ed ha resa già vitale con l'organizzazione di una "Coppa Domenico Candia ", un torneo eliminatorio di calcio tra le squadre della Polisportiva e quelle dei paesi vicini. Martedì 26 un folto numero di appassionati di sport si è riunito nella Sala Consiliare del Comune ed ha discusso sugli sviluppi e l'incremento della Società. Questa, ora, attende l'adesione di tutti gli sportivi di Corigliano. Occorrendo una più vasta collaborazione da parte di tutta la cittadinanza è stata indetta la Campagna Soci per l'anno 1963-1964. E noi siamo sicuri che Corigliano saprà rispondere con entusiasmo, aderendo in massa alla sua Società Sportiva.

(Cor Bonum, novembre 1963)

 

(Foto: In piedi, da sx - F. Persiani; F. Sangregorio; T. Candia; V. De Patto; T. De Gaetano; T. Salerno; L. Sangregorio; A. Camodeca; davanti P. Pizzo)

Gennaio 1964

Pronto il Campo Sportivo

Finalmente anche a Corigliano, in contrada “Cardame”, allo Scalo, dietro le Case Popolari, è stato realizzato il Campo Sportivo, dove la Polisportiva, a partire dal 16 febbraio 1964, disputerà le gare di calcio per il Campionato Nazionale di II Divisione.

Un grazie va a tutti i cittadini, che, a vario titolo, hanno contribuito alla realizzazione di un’opera così importante per la Città. Tra i tanti, un grazie particolare va ad Alfonso Russo, Pierino Trebisonda, Domenico Favaro, Serafino Corrado, alla ditta Scura, Peppino Sosto, Vincenzo De Patto e ad Antonio Miranda. 

Soddisfatti anche la direzione della Polisportiva: il Presidente, Antonio Candia, il dott. Luigi Sangregorio, l’avv. Attilio Camodeca, l’avv. Giuseppe Fanile, l’avv. Mario Policastri, il dott. Francesco Persiani, il dott. Franco Borromeo, il sig. Totonno De Gaetano... (per continuare a leggere l'artico, ti suggerisco di collegarti alla quarta pagina del Cor Bonum n.1 del 31-1-1964)
(Il Presidente Antonio Candia in una foto di Francesco Curia con la classica didascalia)

29 febbraio 1964

Domani 1° marzo tutti al Campo

Domani 1° marzo gli sportivi di Corigliano assisteranno, ed essi stessi daranno vita, ad una manifestazione attesa da epoca immemorabile: l’inaugurazione del nostro campo sportivo.

Un mese di alacre lavoro, un mese di appassionante fervore da parte dei dirigenti della “Polisportiva” hanno reso possibile il miracolo! Un miracolo ancora più grande, se si pensa…

(per continuare a leggere l’articolo, clicca sulla prima e seconda pagina del Cor Bonum n. 3 del 29-2-1964)

http://www.coriglianocal.it/come-eravamo/correva-l-anno/1964-1/  

(Nella foto di F. Curia, con la classica didascalia, ci sono, tra gli altri, T. Marrazzo, G. Rizzuti, Ganci, Martelli, F. Madeo, Zangaro, Mazziotti, D. Madeo, Scarfò, G.Scorzafave)

1° marzo 1964

Inaugurato il Campo di Gioco

“Città di Corigliano”

Sfidando la violenza degli elementi atmosferici, domenica 1 marzo appuntamento in massa al “Città di Corigliano” dove, fra una folla straripante e piena di euforismo sportivo, si è assistito alla solenne inaugurazione del terreno di gioco.

Pigiata in ogni ordine di posti, la folla prorompeva in un entusiastico applauso dopo il tradizionale taglio del nastro effettuato dal Sottosegretario On. Dario Antoniozzi; indi in un religioso raccoglimento si procedeva alla benedizione del campo impartita dal…

(per continuare a leggere l’articolo, clicca sulla quarta pagina del Cor Bonum n. 5 del 31-3-1964)

http://www.coriglianocal.it/come-eravamo/correva-l-anno/1964-1/   

(Nella foto di F. Curia, da sx Monsignore Rizzo, dottor Luigi Sangregorio, il Presidente Antonio Candia e un rappresentante del CONI)

Per la cronaca della partita della Polisportiva Corigliano con la Victoria Rossano, che si è disputata il 1° marzo, e per altre notizie sull'inaugurazione del campo sportivo, ti suggerisco di scaricare il settimanale Biancazzurro del 2 marzo 1964.

Biancazzurro del 2-3-1964.pdf
Documento Adobe Acrobat 919.0 KB

8 marzo 1964 il derby Corigliano-Schiavonea

Domenica 8 marzo del 1964, sotto un cielo coperto, con un terreno pesante e un numeroso pubblico, sul campo "Maria ad Nives" di Schiavonea si è giocato il derby tra la Polispotiva Corigliano e la squadra della Schiavonea. Ha vinto lo Schiavonea per 2 a 1, con rete al 5' p.t. Serra; al 9' s.t. Bianchi; al 34' s.t. Romanelli. Ha arbitrato il Signor Peluso di Cosenza. 

Così le formazioni:

Schiavonea

Gammaro, Arancino, Pisani, D'Alfonso, Bruno, Capoverde, Russo, Bianchi, Serra, Campolo, Solano.

Polisportiva Corigliano

Luzzi, Mezzotero, Amato, De Rose, Romanelli, Salimbeni, Pizzo, Granato, Arnone, Scura, Sabato. 

Per la cronaca di questa partita e per tante altre notizie, ti suggerisco di scaricare, qui a fianco, il settimanale Biancazzurro del 9 marzo 1964.

Biancazzurro del 9-3-1964.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'017.9 KB

15 marzo 1964, Polisportiva Corigliano - Cariatese

Domenica 15 marzo, si è svolta, alla presenza di un numeroso pubblico, circa 3.000 spettatori, la partita di calcio tra la Polisportiva Corigliano e la Cariatese. Ha vinto con un punteggio tennistico, ben 6 a 1, la Polisportiva.

Hanno segnato per il Corigliano al 3' e 4' p.t. Arnone, al 44' Pizzo, 3' s.t. ancora Arnone, al 37' s.t. Scarfò e al 41' s.t. Scura.

Ha arbitrato il signor Calabrese di Cosenza

(Nella foto, tra gli altri, F. Cicero, Scarfò(impiegato enel), mio zio col cappellino, F. Longo, G. Rizzuti, V. Ferri, P. Spezzano, G. Ritacco, De Vincenzi)

Per la cronaca di questa partita e per tante altre notizie, ti suggerisco di scaricare, qui a fianco, il settimanale Biancazzurro del 16 marzo 1964.

Biancazzurro del 16-3-1964.pdf
Documento Adobe Acrobat 977.2 KB

Una prestazione non brillante della Polisportiva

Domenica 24 marzo, la Polisportiva Corigliano subisce, per 2 a 1, un’amara sconfitta dal Cotronei.

Così le formazioni:

 

Polisportiva Corigliano:

Caruso, Mezzotero, Amato, Minisci, Romanelli, Salimbeni, Pizzo, Granato, Arnone, Scura, Scarfò.

 

Cotronei:

Iervolino, Ascione, De Simone, Covelli, Perri, Foritano, Sorgente, Cherubini, Di Giannantonio, Alibi, Acri.

Ha arbitrato il signor Cardone di Crotone

Hanno segnato: al 17’ p.t. Alibi, al 10’ s.t. Sorgente, al 16’ s.t. Granato

Per la cronaca di questa partita e per tante altre notizie, ti suggerisco di scaricare, qui a fianco, il settimanale Biancazzurro del 23 marzo 1964.

Biancazzurro 23-3-1964.pdf
Documento Adobe Acrobat 971.8 KB

5 aprile 1964, Polisportiva Corigliano - Strongoli

Domenica 5 aprile, si è giocata la partita di calcio tra La Polisportiva Corigliano e lo Strongoli. Ha vinto la Polisportiva Corigliano per 2 a 0, con rete nel primo tempo di Granato e nel secondo tempo di Scarfò. Ha arbitrato il signor Gallo di Cosenza

 

Così le formazioni

Polisportiva Corigliano

Caruso, Mezzotero, Amato, De Rose Romanelli, Salimbeni, Andreassi, Granato, Arnone, Scura, Scarfò

 

Strongoli

Manfredi, Benincasa, Lucente, Siniscalco, Biafora, Vrenna, Elia, Sculco, ceraudo, Brasacchio, Ranieri.

 

(nella foto, da sx il guardalinee Mastrangelo, segue, Amato, Arnone, Caruso, Romanelli, Scura, Granato, Scarfò, De Rose, Andreassi, Mezzotero, Salimbeni) 

Per la cronaca di questa partita e per tante altre notizie, ti suggerisco di scaricare, qui a fianco, il settimanale Biancazzurro del 6 aprile 1964.

Biancazzurro 6-4-1964.pdf
Documento Adobe Acrobat 981.8 KB

Il 12 aprile, Polisportiva Corigliano - Libertas Rossano

Domenica 12 aprile, si è giocata la partita di calcio tra La Polisportiva Corigliano e la Libertas di Rossano. Ha vinto la Polisportiva Corigliano per 2 a 0, con rete, al 9' del secondo tempo, di Scura e di Granato, al 32'.

Ha arbitrato il signor Toscano di Carolei

 

Così le formazioni

Polisportiva Corigliano

Caruso, Mezzotero, Amato, De Rose Scura, Salimbeni, Andreassi, Granato, Belsito, Romanelli, Scarfò

 

Libertas Rossano

Petrini, Coletti, Di Vico, Grillo, Capoverde, Blasco, Galati, Cipparrone, Amoruso, Rivitti.

Per la cronaca di questa partita e per altre notizie, ti suggerisco di scaricare, qui a fianco, il settimanale Biancazzurro del 13 aprile 964

Biancazzurro 13-4-1964.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.0 MB

28 giugno 1964

Assemblea Generale della Polisportiva

Giorno 28 giugno 1964, nel Teatro Comunale, si è svolta l’Assemblea generale dei soci della Polisportiva, dinanzi alla quale il Presidente Candia ha esposto una dettagliata relazione sull’attività svolta nei primi mesi di attività, ed ha comunicato le dimissioni di tutto il Direttivo. Dopo la relazione amministrativa e quella tecnica, l’Assemblea ha apportato alcune modifiche allo Statuto, ed ha quindi proceduto alla elezione del nuovo Comitato Direttivo, che risulta ora composto di trenta membri. 

Il successivo giorno 30 il Comitato Direttivo ha proceduto alle elezioni delle cariche sociali. Antonio Candia è stato rieletto Presidente; la Vice Presidenza è stata affidata al dott. Luigi Sangregorio; le altre cariche sono state così distribuite: segretario l’avv. G. Adimari, vice segretario, l’avv. U. Straface, cassiere il dott. A. Camodeca, vice cassiere il rag. A. De Gaetano.

(Cor Bonum n.11 del 30-6-1964)

Settembre 1964

Acquisti: Prantera – Tocci – Cufari - Branca 

Dopo la decisione del Comitato Regionale Calabro, la sostituzione della Polisportiva Corigliano va sempre più normalizzandosi. Appena si apprese che la compagine biancazzurra era stata ammessa al Campionato di I Categoria Calabra, i dirigenti tutti il sodalizio non si sono dati respiro mettendosi subito a correre sodo per la ricerca e l’ingaggio di nuovi elementi di già nota fama nel Calcio dilettantistico Calabrese, per ben figurare in questa prossima stagione Calcistica. Già nella serata di ieri si era diffusa la notizia che, dopo il colloquio e gli accordi finanziari, Cufari e Branca provenienti dal Trebisacce, Prandera dal Morrone Cosenza e Tocci dall’Acri, avevano firmato il contratto. Una grande massa impaziente di tifosi era…

(per continuare a leggere l’articolo, clicca sulla terza pagina del Cor Bonum n. 17 del 30-9-1964)

http://www.coriglianocal.it/come-eravamo/correva-l-anno/1964-1/   

(Nella foto da sx, Prantera e Branca, poi Cufari e, sotto, Tocci)

Novembre 1964

Il derby coriglianese senza vincitori e vinti

Il risultato di parità con cui si è concluso l’atteso incontro tra il Corigliano e la cugina Schiavonea è stato accolto giustamente ed unanimemente con assoluta ed indiscussa approvazione da parte di tutti gli sportivi coriglianesi.

Infatti la moltitudine di spettatori, stipati domenica al “Città di Corigliano” pronti ad applaudire chi più lo meritava, ha assistito ad un gioco decisamente condizionato ad un livello tecnico mostrato egualmente da entrambe le squadre, le quali hanno in tal modo offerto uno spettacolo intriso di una elevata bravura agonistica all’insegna della quale si è giocato tutti i ’90. 

Dall’uno e dall’altro fronte si son…

(per continuare a leggere l’articolo, clicca sulla quarta pagina del Cor Bonum n. 21 del 30-11-1964)

http://www.coriglianocal.it/come-eravamo/correva-l-anno/1964-1/ 

(nella foto, il portiere Caruso con Amato e ? insieme al pubblico. Riconosco, tra gli altri, da sx, l. Reale; L.Aiello; Coppola; E. Bonifiglio; N. Cimino; C. Fino; I. Geraci; Visciglia; R. Sangregorio; P. Gravina; M.C. Romanelli; A. Romanelli; P. Montillo; F. Sangregorio; F. De Luca; G. Bonifiglio; Celeste; Superchi; M. Nigro; P. Parino; G. Gianzi; G. Scorzafave(mio fratello))

31 gennaio 1965

Incontri all’attivo per Corigliano e Schiavonea

Se è vero che la speranza, invocata fino all’ultimo momento, corre in aiuto di colui che sta per affogare nella più completa disperazione e lo trae al vortice della perdizione eterna facendolo ascendere a vette più splendide dove tutto è gloria e gioia, questo si è avuto per la squadra coriglianese, la quale, tutta protesa com’era alla ricerca di quel grado di forma atletica tale da farle conquistare posizioni di classifica sempre “più alte”, con due soli incontri, ancorandosi al filo dell’”ultima dea”, ha saputo trionfare conquistando gli allori di meritate vittorie.

Siamo stati sollecitati a scrivere ciò che abbiamo assistito alle due partite sostenute dai biancazzurri contro due compagini, le quali si son dovute piegare ad abbassare il capo sotto le forche caudine dei nostri bravi atleti: calice amaro per il Catanzaro Sala e disappunto ingiusto per il Pro Crotone. 

Quella di domenica 31 gennaio è stata…

(per continuare a leggere l’articolo, clicca sulla terza pagina del Cor Bonum n. 3 del 28-2-1965) 

http://www.coriglianocal.it/come-eravamo/correva-l-anno/1965/

(nella foto un goal del bravo goleador della Polisportiva: Scarfò)

Giugno 1965

Il saluto del “Corigliano” ai suoi tifosi

(si conclude il torneo calcistico del Campionato di 1° Categoria 1964-1965)

Giunto alla fine delle nostre periodiche panoramiche calcistiche biancazzurre, è doveroso chiudere le serie dei modesti commenti, scaturiti dalle partite effettuate dal “Corigliano”, con un giusto resoconto finale, all’unico scopo di fare emergere il bilancio di una condotta di gare ad alto livello agonistico e tecnico insieme che i nostri bravi uomini hanno saputo evidenziare in ogni incontro e in casa ed in trasferta, lasciando a bocca aperta quanti hanno avuto la fortuna (come noi) di seguire i colori locali. Partiti con un avvenire non tanto roseo, a poco a poco siamo venuti a costellare l’orizzonte del calcio paesano di vittorie frammiste a pareggi appropriati, risalendo in tal modo la corrente di classifica, tramite gli sforzi inauditi ed incitati da un pubblico quanto mai sportivo, il quale ha sempre dimostrato di voler bene alla squadra del cuore mediante un incitamento alle stelle con correttezza indicibile.

Incontri difficili, dunque, superati brillantemente hanno portato…

(per continuare a leggere, clicca sulla quarta pagina del Cor Bonum n. 11 del 1965

http://www.coriglianocal.it/come-eravamo/correva-l-anno/1965 

(Nella foto, tra gli altri, da sx,T. Marino; A. Camodeca; L. De Rosis; C. Spezzano; I. Aceto; B. Benvenuto; Romio; A. Russo; La Grotta; P. Gravina)

Novembre 1965

Corigliano: squadra in vetrina

(all’ottava giornata del torneo calcistico del Campionato di 1° Categoria 1965-1966 la Polisportiva Corigliano è prima in classifica)

Nel mentre ci accingiamo a stilare queste note a commento dell’ottima tenuta di gara dimostrata superbamente fino ad oggi della nostra gloriosa compagine notiamo un certo nervosismo originato dalla giustificata fregola di esternare a quanti apprezzano ed hanno modo di seguire più da vicino i nostri bravi ragazzi quella gioia che parte da un animo in letizia e stracontento.

Il campionato nel quale militiamo è iniziato (bisogna pur riconoscerlo bandendo ogni spirito polemico di sorta inteso a minimizzare l’elevatura tecnica raggiunta da ogni atleta del Corigliano) sotto un’ottima stella per i colori biancazzurri ove si pensi che sin dalle primissime giornate – chiamiamo a testimone della nostra asserzione veritiera la classifica – abbiamo assaporato la dolcezza delle più ardue vittorie e non foss’altro che…

(per continuare a leggere, clicca sulla terza pagina del Cor Bonum n. 21 del 30-11-1965 

http://www.coriglianocal.it/come-eravamo/correva-l-anno/1965/  

(1965 Polisportiva; (in piedi) da sx, Artone; Scaramuzzo; Branca; Prantera; Belsito; Granata; (accosciati) Salimbeni; Ferraro; Menozzi; Camodeca; Varquez.

1° ottobre 1966

Inizio del Campionato di Calcio

Il 2 ottobre avrà inizio il campionato di calcio, che le nostre due squadre locali affronteranno con ranghi rinnovati e rafforzati.

La POLISPORTIVA CORIGLIANO (Presidente il dott. Luigi Sangregorio; V. Presidente il dott. Attilio Camodeca; Segretario il Sig. Enrico Liguori; V. Segretario il Sig. Pasquale Benvenuto; Cassiere il Rag. Antonio De Gaetano; V. Cassiere il Geom. Casimiro Nigro; Direttore tecnico il Sig. Antonio Candia) sarà guidato da un nuovo allenatore, il sig. Tommaso Di Pietro, che ha già messo al lavoro la squadra, suscitando vivo entusiasmo nella cittadinanza per l’impegno con cui egli svolge le proprie mansioni. 

(1966 - Polisportiva Corigliano. In alto da sx, Esposito, Branca, Varquez, Mazzacane, Menozzi, Scaramuzzo. Accosciatii, Stumpo, Salimbeni, Valentini, Belsito e Vallone)

Campagna acquisti 1966-1967

Per il Campionato di calcio 1966-67, sono stati acquistati i seguenti giocatori: Silipo e Vallone dal Trebisacce, Esposito e Bianchi dallo Schiavonea, Stumpo dall’ACRI, Le Pera da Cariati; probabilmente Cappelli dal Bodio (Svizzera); sono stati ceduti Ferrari e Rocco all’Acri, mentre tutti i vecchi giocatori, ad eccezione di… 

(per continuare a leggere, clicca sulla quarta pagina del Cor Bonum n. 15  del 31-8-1966
http://www.coriglianocal.it/come-eravamo/correva-l-anno/1966/

(nella foto, da sx, Bianchi ed Esposito)

Alcune foto relative agli incontri di calcio della Polisportiva Corigliano con la Morrone(di Cosenza)

La Polisportiva Corigliano (1966-67)
La Polisportiva Corigliano (1966-67)
La Morrone (1966-67)
La Morrone (1966-67)

 

Campionato di calcio 1966-67 

 

Le classiche sfide sul campo del Corigliano tra la Polisportiva e la forte e temuta squadra cosentina, La Morrone


 

Campionato di calcio 1966-67

 

La Polisportiva Corigliano, con una rete di Varquez, batte per 1 a 0 la forte squadra cosentina, la Morrone. Nella foto, il n. 10 della Morrone, Benito Pancaro, e il capitano della Polisportiva del Corigliano, Branca.


 

Incontro tra la Polisportiva Corigliano e la Morrone

 

Il numeroso pubblico assiste sul campo del Corigliano ad una delle partite più attese del campionato di calcio: Polisportiva Corigliano - Morrone.

Nella foto, tra gli altri, il n. 4 Gino Belsito e il n. 9 Vallone della Corigliano. Poi riconosco, soltanto, Prisco della Morrone.


Un altro incontro di calcio tra la Polisportiva e la Morrone.

 

Dopo un gol segnato dal Corigliano, l'entusiasmo dei suoi giocatori. Tra gli altri, n.11 Stumpo, n.8 Vallone, n.10 Mazzacane e Branca del Corigliano. (l'entusiasmo di Artone tra i giocatori)


Giocatori e dirigenti

La Polisportiva in... azione

Non solo Polisportiva

Dal 1 al 3 maggio 1964 una grande partecipazione di pubblico per assistere sul Campo Sportivo del Corigliano al torneo quadrangolare, riservato alla categoria allievi, delle selezioni regionali della Calabria, della Sicilia, della Lucania e della Puglia.

(nella foto in primo piano l'amico indimenticabile Francesco De Rosis. Poi, tra gli altri, riconosco D. Cosentino, Triolo, G. Benvenuto, C. Nigro, P. Sosto, F. Siinardi, F. Romano e figlio.

La partecipazione del numeroso pubblico, le prestazioni ad alto livello dei giovani giocatori e la perfetta organizzazione di tutti i dirigenti della Polisportiva Corigliano sono stati i motivi principali del grande successo di questa importante manifestazione sportiva.

Così i risultati delle partite disputate: Calabria – Lucania 3 – 1; Puglie – Sicilia 1 – 0; Calabria – Puglie 2 – 2; Sicilia – Lucania 2 – 1 (nella foto, con didascalia di F. Curia, la squadra della Calabria con i dirigenti anche della Polisportiva)

 

 

 

L'entusiasmo del presidente della Polisportiva di Corigliano, Totonno Candia, e dei giocatori della Calabria, che, dopo lo snervante pareggio 2 a 2 con la squadra delle Puglie, si aggiudicano ai rigori, senza mai fallire un tiro dagli 11 metri, l'ambito trofeo del quadrangolare.

(La foto del bravo Francesco Curia a testimonianza dell'impegno e dell'amore del presidente della Polisportiva Corigliano nei confronti del calcio calabro. Così la didascalia della foto di F. Curia: La Calabria è nel cuore del Presidente...

Durante la premiazione alle 4 regioni che hanno partecipato al torneo, sul campo del Corigliano sorvola, a sottolineare l’importanza dell’evento, un aeroplano.

Così la premiazione

1° posto, La Calabria, che andrà a disputare a Torino le finali nazionali. Alla squadra calabrese è stato offerto un trofeo d’argento rappresentante un calciatore con il pallone, mentre all’ala sinistra Campolongo, goleador del torneo con 4 reti segnate, un elegante orologio

2° posto, Le Puglie. Alla squadra pugliese è stato offerto una coppa d’argento, mentre al giocatore Marzo un orologio.

3° posto, La Sicilia. Alla squadra sicula è stata offerta una coppa d’argento, mentre al giocatore Arcoleo un orologio.

4° posto, La Lucania. Alla squadra lucana è stata offerta una coppa d’argento, mentre al giocatore più giovane, il portiere Emanuele Sannicandro, una radio a transistor. 

Alle quattro squadre, infine, è stato offerto una grande fotografia ricordo, mentre a tutti i giocatori doni individuali. 

I dirigenti della Polisportiva Corigliano che si apprestano a premiare la squadra vincente: la Calabria. La foto è di Francesco Curia, grande fotografo, che seguì in tutte le manifestazioni sportive la squadra della nostra Città, senza mai perdere alcuna occasione per immortalare momenti e, nello stesso tempo, descrivere con semplici e ironiche didascalie fatti e avvenimenti.

(nella foto, da sx, il dr F. Persiani, poi T. Candia, T. De Gaetano, l'avv. A. Camodeca, P. Adimari, il dr Fanile)

Il dr Mottola, presidente della FIGC settore giovanile, alla presenza dei dirigenti del Corigliano e del grande pubblico, consegna al capitano della squadra della Calabria, prima classificata del torneo quadrangolare, il trofeo in argento, rappresentante un calciatore con il pallone.

(nella foto, tra gli altri, riconosco il presidente del Corigliano, T. Candia, l'avv. Camodeca, Mimmo Campolo, il dr F. Sangregorio, T. Le Pera, Gennarino Rizzuti) 

 

Il capitano della squadra della Calabria mostra al grande pubblico coriglianese il trofeo vinto. Tra il pubblico riconosco a destra in primo piano il mio carissimo zio, zu Ciccilli Longo, poi da sinistra il dr Francesco Persiani, il presidente della Polisportiva, Totonno Candia, il vice presidente, avv. Attilio Camodeca. Poi il giovane Sapia, Cortese, Le Pera, Romio. La foto, con la solita simpatica didascalia, è di Francesco Curia.

Per altre notizie su questo quadrangolare, vi consiglio di scaricare i seguenti quattro numeri del settimanale Biancazzurro:

Biancazzurro 2-5-1964.pdf
Documento Adobe Acrobat 980.4 KB
Biancazzurro 4-5-1964.pdf
Documento Adobe Acrobat 911.9 KB

Biancazzurro 20-4-1964.pdf
Documento Adobe Acrobat 984.1 KB
Biancazzurro 27-4-1964.pdf
Documento Adobe Acrobat 990.0 KB

Due grandi presidenti

A conclusione di questi frammenti storici, voglio ricordare due grandi presidenti della Polisportiva Corigliano. Due uomini di grande valore che hanno dato tanto allo sport coriglianese: Totonno Candia e il dottor Luigi Sangregorio.

Il primo, un vero e autentico uomo di sport che ha mostrato, durante la sua breve permanenza a Corigliano, grande amore per la gloriosa Polisportiva. Un uomo venuto da lontano e che ho avuto l’onore di citarlo nel mio 2° Volume delle Botteghe di una volta.

Il secondo, un autentico galantuomo, un signore di altri tempi, che ricordo con molto affetto sin da quando la mia famiglia gestiva il Bar La Castagna, a Piana Caruso. Un uomo che, nonostante che occupava una certa posizione di rilievo nella società, ha vissuto con semplicità e umiltà, al servizio della collettività.

A questi due grandi uomini, a don Antonio e a don Gigino, interpretando il sentimento di tutti i coriglianesi, dico semplicemente: GRAZIE


Altre foto